Contenuto sponsorizzato

Dopo un'aggressione al titolare della piadineria, blitz della polizia in piazza della Portela: decine di persone controllate e portate in questura

L'intervento delle forze dell'ordine prende le mosse anche della vicenda di martedì scorso con l'aggressione al titolare del locale "Angolo Tondo". Ianeselli: ''Solidarietà a Sonn, imprenditore con la schiena dritta. Gli esercizi commerciali sono un presidio. Il Comune di Trento sarà al loro fianco"

Di Davide Leveghi e Luca Andreazza - 05 marzo 2020 - 16:33

TRENTO. Blitz delle forze dell'ordine in pieno centro a Trento. Una decina le volanti della polizia che si sono portate in via Roma e in piazza della Portella per effettuare alcuni controlli a seguito dell'aggressione avvenuta martedì scorso all'esterno dell'esercizio "Angolo Tondo", poco dopo la chiusura nel primo pomeriggio.

 

La vicenda risale a martedì scorso, quando il titolare della piadineria, Massimo Sonn, ha notato una ragazza infastidita da alcune persone di origine centrafricana all'altezza del supermercato Eurasia.

 

A quel punto si è avvicinato per farli smettere, ma la situazione è degenerata. Da lì qualche parola di troppo e alcuni spintoni rivolti all'imprenditore, che si è visto rovesciare anche della birra addosso prima che si dileguassero.

 

Oggi il blitz delle forze dell'ordine. Il nuovo questore di Trento, Claudio Cracovia, ha voluto lanciare un segnale. Gli agenti hanno circondato e isolato l'area, quindi hanno avviato i controlli.

 

Una ventina le persone identificate, alcune delle quali sono state fatte salire a bordo delle pattuglie per il trasferimento in viale Verona e procedere agli ulteriori accertamenti e approfondimenti. 

 

Secondo le prime informazioni, la polizia avrebbe anche sequestrato alcune dosi di sostanze stupefacenti. Sull'episodio nel quale è occorso Sonn, il candidato sindaco per il centrosinistra e Patt e Italia Viva, Franco Ianeselli, è intervenuto per prestare solidarietà e vicinanza.

 

"Massimo Sonn è un bravo imprenditore e un cittadino con la schiena diritta. Lo posso dire per tutte le piadine che ho mangiato lì il giovedì sera in attesa che cominciasse il mio corso di inglese. Per Trento e per la Portela - commenta Ianeselli - il suo locale rappresenta un presidio sociale. Perché è sempre lì e perché rappresenta la realtà di una comunità che affronta i problemi del proprio quartiere grazie alla forza mite delle persone che vi si ritrovano. Nel suo lavoro privato e imprenditoriale, così importante anche per il pubblico e per la città, Sonn non deve però sentirsi solo nemmeno un istante e deve sapere di poter contare in ogni momento sulla forza, se necessario anche repressiva, delle istituzioni".

 

Un discorso che viene allargato a tutti gli esercizi pubblici e alle associazioni. "E lo stesso vale per i comitati di cittadini che sorgono e operano per rispondere alle piccole e grandi criticità dei loro beni comuni: devono sapere che il Comune di Trento sarà al loro fianco, quotidianamente, nella ricerca di soluzioni che non sono mai semplici e definitive, ma che vanno sperimentate attraverso un mix di interventi fatto di polizie statali e locali, di cittadini appassionati, e di un'amministrazione che non accetta l’insostenibilità cui tendono alcune strade e piazze del proprio Comune e della cui vivibilità deve sentire su di sé la responsabilità", conclude Ianeselli.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 29 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

30 ottobre - 17:45

Nelle ultime 24 ore sono stati analizzati 2.861 tamponi: 222 i test risultati positivi con il rapporto contagi/tamponi che si attesta al 7,6%. Attualmente ci sono 159 classi in isolamento

30 ottobre - 16:08

Sono circa una cinquantina i depuratori sul territorio altoatesino e la Provincia ha scelto 9 impianti per questo monitoraggio tra dimensione, punto geografico e tipo di utenza e il territorio è stato diviso in altrettante sezioni: Bolzano, Termeno, Pontives, Media Venosta, Bressanone, Wipptal, Tobl-Brunico e Wasserfeld. Un progetto con il coordinamento dell'Istituto superiore di sanità

30 ottobre - 16:39

Chi arriva in Germania dal nostro Paese, dovrà sottoporsi a tampone oppure a quarantena. L'Austria potenzierà i controlli, anche con le autorità sanitarie, ai valichi di confine con Italia e Slovenia

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato