Contenuto sponsorizzato

Ecco dove si trovano M49 e Jj4: la Pat lancia il servizio per sapere in che zona sono gli orsi più ricercati (ma ce n'era bisogno?)

Entrambi radiocollarati da oggi sarà possibile sapere dove si trovano anche se la stessa Pat spiega che ''per ragioni di sicurezza, al fine di scoraggiare iniziative inopportune, il grado di precisione è volutamente tarato per non consentirne l'esatta individuazione''

Di Luca Pianesi - 31 luglio 2020 - 17:48

TRENTO. Dove si trovano Jj4 e M49? La Provincia ha lanciato un servizio di aggiornamento costante della posizione dei due orsi più ricercati del Trentino. Un servizio la cui utilità è discutibile ma che, come spiega la stessa Provincia in un comunicato stampa ''per ragioni di sicurezza, al fine di scoraggiare iniziative inopportune, il grado di precisione è volutamente tarato per non consentirne l'esatta individuazione da parte di nessuno, eccetto ovviamente gli specialisti del Corpo forestale''.

 

 

 

 

Un servizio di cui vi diamo conto per dovere di cronaca ma che, speriamo, non serva ad invogliare turisti e residenti ad andare in cerca di questi animali, avventurandosi nelle aree battute da questi due plantigradi. Jj4, come è noto, ha al seguito, tra l'altro, tre cuccioli e l'aggressione fatta qualche settimana fa a due uomini che si trovavano nel bosco è avvenuta certamente per cercare di difendere i piccoli. Un falso attacco che, però, per il presidente della Provincia Fugatti si è tradotto in ''pena di morte'' per l'orsa che in 14 anni non aveva mai creato problemi di sorta. Una decisione, quella del Governatore del Trentino, però, al momento messa in ghiaccio dal Tar che ha sospeso ogni azione contro il plantigrado fino alla sentenza attesa per ottobre (quando l'orsa si appresterà ad andare in letargo).

 

Di M49, invece, si sa già tutto. Il mitico Papillon ha stupito il mondo con le sua abilità di fuga riuscendo a scappare per ben due volte dalla prigione nella quale lo aveva fatto rinchiudere Fugatti per i danni causati a cose e bestiame (l'orso non si è mai mostrato minaccioso nei confronti dell'uomo e la mole di danni causati ammonta a poche decine di migliaia di euro visto che tutti i grandi carnivori, lupi e orsi insieme, causano danni in Trentino di poco superiori allo stipendio di un singolo consigliere provinciale QUI APPROFONDIMENTO).

 

M49 la notte scorsa è sceso lungo i versanti orientali della Marzola ed ha attraversato la piana a sud di Pergine all'altezza di S. Cristoforo, per poi risalire in direzione di Vignola Falesina e Panarotta. Tali movimenti sono stati costantemente seguiti dai forestali e segnalati agli amministratori dei territori interessati.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 26 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

30 novembre - 04:01

I contagi all'interno delle Case di Riposo sono più diffusi rispetto la prima ondata anche se, in alcuni casi, con conseguenze meno gravi. Tra le criticità più sentite c'è la mancanza di personale. "Lo stiamo cercando anche fuori regione ma è molto difficile" spiega Francesca Parolari di Upipa. Massima attenzione anche sulle nuove strutture che da Rsa di transizione diventano Rsa Covid: "Non tutti possono offrire standard come quella di Volano soprattutto per la predisposizione dell'ossigeno"

29 novembre - 20:27

Sono 448 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 44 pazienti sono in terapia intensiva e 55 in alta intensità. Sono stati trovati 265 positivi a fronte dell'analisi di 3.695 tamponi​ molecolari per un rapporto contagi/tamponi al 7,2%

29 novembre - 17:22
Sono stati analizzati 3.695 tamponi, 265 i test risultati positivi. Il rapporto contagi/tamponi si attesta al 7,2%. Altri 12 decessi, il bilancio è di 236 morti in questa seconda ondata
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato