Contenuto sponsorizzato

Fungaiola di 83 anni scivola nel bosco e sbatte la testa, trovata dopo ore dal soccorso alpino

La donna si trovava sull'Altopiano di Folgaria e l'allarme è stato lanciato intorno alle 9.45. E' stata trovata verso l'ora di pranzo

Pubblicato il - 30 luglio 2020 - 15:40

FOLGARIA. Non aveva fatto ritorno a casa e così sono scattate le ricerche e la donna è stata trovata nel bosco, cosciente ma con un probabile trauma cranico e contusioni multiple. I fatti sono successi questa mattina in località San Fermo sull'Altopiano di Folgaria. Una fungaiola pugliese del 1937 si era avventurata in quota ma non vedendola più tornare i familiari si erano allarmati e avevano denunciato il mancato rientro al Numero Unico per le Emergenze 112

 

Le sue ricerche erano scattate verso le 9.45 di questa mattina. Il coordinatore dell'Area operativa Trentino meridionale del Soccorso Alpino e Speleologico ha chiesto l'intervento di sei operatori della Stazione Altipiani. Poiché la donna non aveva il cellulare con sé, le ricerche da parte degli uomini del Soccorso Alpino, dei vigili del fuoco e della polizia municipale di Folgaria sono partite dalla località Ortesino, luogo indicato dai familiari come il punto di partenza dell'escursione.

 

Le ricerche sono proseguite nel bosco fino alle 12.20 circa, quando i soccorritori sono riusciti a trovare la donna che si trovava ai piedi di un salto di rocce di circa cinque metri nei pressi dell'antica segheria veneziana dei Mein. Dopo essere stata stabilizzata, l'infortunata è stata trasportata a spalla con la barella portantina per circa 600 metri fino alla strada forestale vicina e trasferita a bordo dell'elicottero con destinazione l'ospedale Santa Chiara di Trento. L'intervento si è concluso verso le 13.45.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 23 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

24 novembre - 19:38

Guarire dal coronavirus non garantisce l’immunità permanente, il direttore dell’azienda sanitaria: “Circa il 75% delle persone contagiate in primavera, a settembre, avevano ancora gli anticorpi che riescono a neutralizzare il virus, ma il restante 25% può ammalarsi di nuovo. Al momento non ci sono modi per distinguere chi resta protetto dagli altri, quindi anche i guariti devono continuare a rispettare le norme di isolamento e proteggersi”

24 novembre - 18:48

Il governatore trentino è tornato a ripetere la propria posizione sugli impianti sciistici. Intanto il dialogo tra la conferenza delle regioni e il governo va avanti. Fugatti cita l'Austria e chiede ristori per tutto l'indotto in caso di chiusura degli impianti

24 novembre - 18:26

Sono 143 i positivi e 14 i decessi. Stabile il rapporto contagi/tamponi che resta sotto la soglia del 10%. Aumenta il numero dei ricoveri nei normali reparti e cala quello in terapia intensiva, 176 i guariti nelle ultime 24 ore, un dato che anche oggi supera quello dei nuovi infetti

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato