Contenuto sponsorizzato

Giallo della macchina nell'Adige, ripescati due corpi dentro l'auto (IL VIDEO): sono di un giovane e una donna

L'auto è stata vista sprofondare a Rovereto ieri pomeriggio e questa sera è stata prima trovata e poi riportata in superficie dopo lunghe e complicate operazioni condotte dai vigili del fuoco. Al lavoro gli inquirenti per capire cosa possa essere accaduto

Di Tiziano Grottolo e Luca Pianesi - 24 December 2020 - 19:26

ROVERETO. A bordo c'erano due persone: da quel che risulta un ragazzo di 27 anni e una donna di 69. Una vera tragedia che ha visto i due perdere la vita nelle gelide acque dell'Adige dopo che la macchina è finita nel fiume ed è stata trasportata per qualche centinaia di metri a valle dalla corrente. Poco fa la macchina è stata ripescata dalla gru dei vigili del fuoco e una volta riportata a livello strada è toccato alla scientifica esaminare l'abitacolo e cercare di ricostruire l'identità dell'uomo e della donna che si trovavano all'interno.   

 

 

 

 

L'auto bianca era scomparsa nelle acque dell'Adige ieri, intorno alle 16 ed è stata individuata più a sud, seguendo la corrente, rispetto al luogo dove era stata vista inabissarsi da dei testimoni, che avevano anche fotografato mentre ancora galleggiava. Siamo a Rovereto, poco dopo il Panificio Moderno e il ponte che da Borgo Sacco e la rotonda di Piazza Filzi che porta sulla sponda destra del fiume.

 


 

La macchina da quanto è stato ricostruito sarebbe finita in acqua ieri pomeriggio passando per l'unico accesso possibile che permette di avvicinarsi tanto al fiume con un veicolo, circa 80 metri più a nord del ponte stesso e i testimoni hanno parlato di persone a bordo del mezzo che ha galleggiato per alcune decine di metri per poi sprofondare. 

 


 

Sul posto, da subito, si erano portati i vigili del fuoco di Trento, assieme a diversi corpi come quello di Rovereto, Besenello, Calliano e Mori ma le ricerche ieri si erano concluse senza esito. Nel frattempo le indagini degli inquirenti hanno accertato che l'evento era successo davvero (nei primi momenti pareva potesse trattarsi di un falso allarme) e c'era anche quella foto che pubblichiamo qui sopra a dimostrarlo. Così questa mattina erano ricominciate le operazioni di scandagliamento del fondale.

 


 

Sono entrati in azione sommozzatori, vari gommoni e poi il robot subacqueo e una barca giunta da Venezia con ecoscandaglio che ha velocizzato le operazioni di ricerca. Alla fine la macchina è stata trovata, spinta più a valle dalla forte corrente gelata del fiume (che in quei punti raggiunge anche i 18 metri di profondità come spiegato dai pompieri in questo VIDEO). Per recuperarla è stata utilizzata l'autogrù dei vigili del fuoco. Ma ci sono volute ore prima di riuscire a procedere al sollevamento del mezzo.

 


 

Prima è stato ripescato il robot e solo con l'arrivo del buio i sub hanno imbrigliato l'auto, nelle gelide acque dell'Adige e si è tentato di riportarla a galla. Un'operazione non facile che è stata completata intorno alle 18.15.

 


 

Al momento non si conoscono le cause di questa tragedia. Non è chiaro se si sia trattato di un incidente o meno. Gli inquirenti stanno indagando per cercare di ricostruire la dinamica. Quel che è certo è che due persone hanno perso la vita nelle gelide acque dell'Adige ieri pomeriggio.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 4 agosto 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
05 agosto - 12:34
Le precipitazioni delle ultime ore hanno innalzato notevolmente la portata dell'Adige, la cui piena è stata prevista dai vigili del fuoco tra [...]
Cronaca
05 agosto - 11:54
Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco di Telve, le forze dell'ordine e gli ispettori dell'Oupsal. Il giovane è stato trasferito [...]
Cronaca
05 agosto - 09:00
La forte pioggia delle ultime ore sta creando molti problemi. La strada del Brennero è stata bloccata a causa di una frana e i vigili del fuoco [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato