Contenuto sponsorizzato

I carabinieri scoprono un “bazar della droga”: in manette un 41enne che spacciava sostanze di ogni tipo

Quando è stato fermato il 41enne aveva con sé 5 dosi di cocaina e 4 di eroina, pronte per essere vendute, ma nella sua abitazione è stata rinvenuta anche altra droga, comprese 11 boccette di metadone e 300 euro in contanti

Pubblicato il - 15 novembre 2020 - 17:12

VERONA. Cocaina, eroina e metadone per quello che i carabinieri definiscono “un vero e proprio bazar della droga”, è questo il bilancio dell’operazione condotta nei giorni scorsi dai militari a Verona.

 

Tutto è iniziato quando i carabinieri hanno fermato un 41enne di origine tunisina nella zona di Corso Porta Nuova che con sé aveva 5 dosi di cocaina e 4 di eroina, già confezionate e pronte per essere vendute.

 

Considerato che il 41enne aveva precedenti specifici ed era anche sottoposto alla misura dell'obbligo di firma per altro procedimento penale sempre per spaccio di stupefacenti, i carabinieri hanno deciso di perquisire la sua abitazione.

 

In un primo momento, l'uomo ha cercato di far credere di dimorare in via Fincato, ma i militari lo avevano notato bazzicare in un altro punto della città. Utilizzando le chiavi che lo spacciatore portava con sé, è stato individuato il suo vero domicilio.

 

La perquisizione ha dato i suoi frutti visto che i carabinieri hanno rinvenuto 20 grammi di eroina, 15 grammi di cocaina, 11 boccette di metadone, oltre a 300 euro in contanti. Il 41enne, dopo aver passato la notte nelle camere di sicurezza della stazione dei carabinieri, è comparso davanti al giudice che, dopo aver convalidato l’arresto, ha disposto la misura della custodia cautelare in carcere.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 20 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

21 gennaio - 14:10

Nello stesso giorno un comunicato rassicurava i giornalisti anche spiegando che alcuni di loro sarebbero andati al web (affidato in questi giorni, invece, anche a colleghi dell'Adige e Alto Adige) mentre una lettera chiariva loro di non farsi illusioni. Oggi il primo incontro con i rappresentanti sindacali è andato malissimo e la proprietà ha messo a nudo sé stessa ribadendo modi e metodi non degni di quest'epoca e la provincia di Trento scopre cosa vuol dire essersi consegnati a un monopolio 

21 gennaio - 12:08

La normativa trentina impugnata da Roma, nel modificare la legge provinciale 4 del 1998 in particolare per quanto riguarda le modalità e le procedure di assegnazione delle concessioni, secondo il governo “avrebbe ecceduto rispetto alle competenze riconosciute alla Provincia dallo statuto speciale di autonomia” e violato l’articolo 117, primo comma della Costituzione, che impone il rispetto del diritto europeo, e in particolare il principio della libertà di concorrenza 'per' il mercato”

21 gennaio - 12:22

Le temperature inferiori e le deboli precipitazioni hanno dato vita al fenomeno del gelicidio, all'origine del maxi-tamponamento che nella prima mattinata ha completamente bloccato la statale della Valsugana in direzione di Trento. L'esperto di MeteoTriveneto Giampaolo Rizzonelli ne spiega il funzionamento

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato