Contenuto sponsorizzato

Individuato il corpo senza vita di Claudio De Nigro. Il vigile del fuoco e sommozzatore disperso nel fiume durante una esercitazione

La tragedia è avvenuta ieri sera quando Claudio De Nigro non è più riemerso dopo una esercitazione in acqua 

Pubblicato il - 18 giugno 2020 - 15:47

BOLZANO. Si chiama Claudio De Nigro, 55 anni, il vigile del fuoco morto durante una esercitazione nella quale è caduto in acqua senza più riemergere.

 

La tragedia è avvenuta ieri sera quando il 55enne sommozzatore, membro della squadra del soccorso acquatico della Val d'Isarco, si trovava in acqua e i colleghi non lo hanno più visto riemergere. E' successo sulla stretta gola di Naz Sciaves, vicino alla località Fiumes.

 

Claudio è stato improvvisamente trascinato via dalla corrente.

 

Le operazioni di ricerca sono iniziate immediatamente e sono andate avanti fino a notte fonda per poi riprendere all'alba anche con voli di controllo con l'elisoccorso Pelikan 1 e anche utilizzando dei drone.

 

Centinai di uomini dei vigili del fuoco hanno scandagliato la zona assieme al soccorso alpino dell'Alto Adige e il soccorso alpino del CNSAS.

 

In tarda mattina è stata avvistata la salma che si trova nella gola della Rienza vicino al castello di Rodengo. Si sta procedendo con il recupero.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 23 settembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

25 settembre - 13:44

I fatti sono avvenuti intorno alle 11.45 come quel 7 gennaio 2015 quando morirono 20 persone. La zona è blindata e un uomo sarebbe già stato preso

25 settembre - 13:09

La conferma è arrivata direttamente dal presidente francese. Le forze di polizia sono in azione nella zona vicino alla Bastiglia. La popolazione è invitata a stare lontana

25 settembre - 11:58

Le nuove tariffe saranno in vigore fino a fine febbraio, trattandosi di un provvedimento sperimentale. In questi giorni Trentino Mobilità sta procedendo alla modifica delle impostazioni dei parcometri e della segnaletica verticale con lo scopo di decongestionare e migliorare la fruibilità delle diverse aree urbane

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato