Contenuto sponsorizzato

Madre e figlio 19enne coltivavano cannabis insieme: denunciati

A Cronedo, inoltre, due uomini sono stati fermati e trovati con quattro grammi di cocaina, diciotto pasticche utilizzate per il “taglio” dello stupefacente, una tessera sanitaria rubata e circa duecento euro in denaro contante

Pubblicato il - 02 October 2020 - 11:20

CORNEDO ALL'ISARCO. Denunciate due persone per la colvitazione di cannabis indica

 

I carabinieri di Cornedo all'Isarco hanno scoperto una piantagione di cannabis coltivata da una donna 49enne e dal figlio 19enne.

 

Le forze dell'ordine, a seguito di un’accurata perquisizione della loro abitazione, hanno rinvenuto, nel giardino, tre piante di marijuana di medie dimensioni

 

In altri due distinti servizi sono stati denunciati due uomini che, sottoposti a controllo e successive perquisizioni estese anche alle loro abitazioni, sono stati trovati in possesso di circa quattro grammi di cocaina e diciotto pasticche utilizzate per il “taglio” dello stupefacente, nonché di una tessera sanitaria rubata, sette grammi di hashish, un bilancino di precisione nonché circa duecento euro in denaro contante. 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 20 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

21 January - 12:08

La normativa trentina impugnata da Roma, nel modificare la legge provinciale 4 del 1998 in particolare per quanto riguarda le modalità e le procedure di assegnazione delle concessioni, secondo il governo “avrebbe ecceduto rispetto alle competenze riconosciute alla Provincia dallo statuto speciale di autonomia” e violato l’articolo 117, primo comma della Costituzione, che impone il rispetto del diritto europeo, e in particolare il principio della libertà di concorrenza 'per' il mercato”

21 January - 12:22

Le temperature inferiori e le deboli precipitazioni hanno dato vita al fenomeno del gelicidio, all'origine del maxi-tamponamento che nella prima mattinata ha completamente bloccato la statale della Valsugana in direzione di Trento. L'esperto di MeteoTriveneto Giampaolo Rizzonelli ne spiega il funzionamento

20 January - 21:34

Dopo la distruzione del suo rifugio Pian dei Fiacconi, il gestore Guido Trevisan aveva un'idea precisa: ricostruire in armonia con la natura e l'ambiente circostante. Purtroppo c'è chi sta cercando di portargli via quel sogno. Le parole di Trevisan: "Non considero giusto sfruttare una catastrofe per perseguire interessi personali, molti pensano che sia ora di cambiare direzione e io penso che l'unica via sia quella di adattare le nostre abitudini all'ambiente"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato