Contenuto sponsorizzato

Maltempo, a Levico preoccupa il livello del Brenta, chiusi alcuni ponti e le ciclabili: superata la prima soglia d’allerta

Il Brenta, nella zona di Levico Terme e Borgo Valsugana, ha superato la soglia d’allerta. I ponti delle frazioni di Barco e di Campiello sono stati preventivamente chiusi, così come le piste ciclabili. L’appello alla popolazione: “Restate a casa, muoversi solo in caso di necessità”

Di T.G. - 06 December 2020 - 08:39

LEVICO TERME. Fino alle 12 di lunedì prossimo, 7 dicembre, in tutto il Trentino resterà in vigore l’allerta arancione, in particolare i fiumi sono monitorati con attenzione per il rischio esondazioni. Il maltempo infatti, sta creando alcuni disagi e laddove non arriva la neve a preoccupare sono le precipitazioni che stanno ingrossando i corsi d’acqua.

 

A Levico Terme il fiume Brenta è un osservato speciale (così come a Borgo Valsugana), per tutta la giornata di sabato le piogge hanno fatto innalzare il livello del corso d’acqua che, come certificano i vigili del fuoco di Levico, ha superato la la prima soglia di allerta. Per questo per tutta la notte i pompieri sono rimasti i allerta.

 

In via precauzionale i ponti della frazione di Barco, in prossimità della stazione delle ferrovie, e di Campiello che collegano la frazione di Barco con Levico sono stati preventivamente chiusi, così come le piste ciclabili. Nelle prossime ore continueranno i monitoraggi dei vigili del fuoco dei punti di maggior criticità.

 

Pertanto è stato diramato un appello rivolto alla popolazione affinché vengano limitati il più possibile gli spostamenti rimanendo nelle proprie abitazioni e, nel caso in cui questi risultassero inevitabili, i pompieri invitano a prestare la massima attenzione alle condizioni dei luoghi da percorre, evitando di recarsi in aree che presentino condizioni anomale o di pericolo, con particolare attenzione ai corsi d’acqua.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 6 marzo 2021
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

08 March - 05:01

Una ricerca che ha messo insieme tanti pezzi di un mosaico per ricostruire la storia “perduta” di Anna Vivaldelli, uccisa a Dro l’8 marzo 1925. A quasi un secolo di distanza, in occasione della Giornata internazionale dei diritti della donna, ricostruiamo questa vicenda grazie ai documenti, le lettere e le testimonianze dell’epoca

07 March - 16:45

A 12 anni ha lasciato la sua casa in Afghanistan, passando per Iran e Turchia è arrivato in Grecia dopo un viaggio durato anni, lì è rimasto coinvolto nell’incendio che lo scorso settembre ha devastato il campo profughi di Moria: ora grazie alla Comunità Papa Giovanni XXIII l'incredibile storia di N.A. (che chiameremo Nico) ha trovato a Rovereto il suo lieto fine

07 March - 19:24

Sono 236 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 48 pazienti sono in terapia intensiva e 43 in alta intensità. Oggi 2 decessi. Sono 72 i Comuni con almeno un caso di positività

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato