Contenuto sponsorizzato

Mise a segno diversi furti in abitazione in val di Fiemme, rintracciata e arrestata 36enne

Era stata condannata dal Tribunale di Trento ad una pena detentiva di 1 anno e 5 mesi. I carabinieri l'hanno rintracciata nella sua abitazione a Laives

Pubblicato il - 24 gennaio 2020 - 10:35

LAIVES. Doveva scontare una pena detentiva di un anno e 5 mesi e pagare una multa di 370 euro ma non aveva fatto niente di tutto ciò.

 

I carabinieri di Laives hanno rintracciato una donna di 36 anni residente nel territorio comunale, già nota alle forze dell'ordine e con precedenti penali specifici. Già condannata dal Tribunale di Trento. La donna, infatti, aveva messo a segno, insieme ad altre persone, diversi furti in abitazione nel comune di Predazzo nel corso del 2016.

 

Le indagini svolte dai carabinieri di Predazzo e da quelli di Cavalese avevano infatti consentito di raccogliere prove inequivocabili a carico della donna e il Tribunale di Trento aveva quindi emesso la sentenza di cui sopra. 

 

La donna però si trovava a Laives, a casa sua. Rintracciata e fermata dai carabinieri è stata quindi condotta in carcere. 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 29 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

31 ottobre - 16:22

A partire da questa mattina sono diverse le persone che si stanno recando al cimitero. Ieri il presidente della Provincia, Fugatti, ha deciso di chiudere i campisanti l'1 e il 2 novembre

31 ottobre - 15:31

Mentre è evidente a tutti che la curva dell'epidemia è in costante crescita il presidente pare in balia degli eventi e die dati giornalieri e in conferenza stampa dice una cosa mentre nell'ordinanza ne scrive un'altra. Intanto i sindacati attaccano: ''I ristoratori chiedono di ritirare l'ordinanza sulle aperture perché si accorgono che pur essendo aperti la clientela scarseggia, un po’ per paura del contagio, un po’ perché le famiglie hanno sempre meno disponibilità finanziarie''

31 ottobre - 10:26

La decisione è stata presa durante un colloquio in video-conferenza tra i tre presidenti dell'Euregio Fugatti, Platter, e Kompatscher. "Fondamentale la collaborazione e lo scambio continuo tra i territori. Uno dei nostri obiettivi è tenere aperti i confini per garantire la mobilità nei nostri territori e lo spostamento dei pendolari"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato