Contenuto sponsorizzato

Nasconde al fisco 30 milioni di euro per non pagare le tasse, imprenditore della Val di Non nei guai

La Guardi di Finanza ha scoperto una società di compravendita di autoveicoli fittiziamente 'residente' all'estero. Dalle indagini sono riemersi 30 milioni di euro di imponibile per circa 500 mila euro di imposte non versate all'erario

Pubblicato il - 05 November 2020 - 19:38

TRENTO. Mediante alcune tecniche sofisticate è riuscito a sottrarsi alla tassazione in Italia creando in Germania una realtà fittizia. A finire nei guai è stato un imprenditore della Val di Non che tramite la cosiddetta “esterovestizione societaria” è riuscito a sottrarre al fisco italiano, dal 2014 al 2020 una base imponibili che si aggira sui 30 milioni di euro.

 

A scoprire il caso di evasione fiscale internazionale è stata la tenenza di Cles della Guardia di Finanza. Il meccanismo fraudolento è stato portato a galla durante una verifica fiscale nei confronti di una società operante nel settore del commercio di autoveicoli. Grazie al “fiuto” dei finanzieri, in fase di accesso presso la sede dell’impresa, dopo aver reperito documentazione commerciale di un’impresa tedesca, attiva nel medesimo settore, hanno deciso di fare degli approfondimenti.

 

I riscontri per i quali ci si è avvalsi anche della preziosa collaborazione delle autorità fiscali tedesche, attivate per il tramite dell’Ufficio Cooperazione Internazionale e Rapporti con Enti Collaterali del Comando Generale - II Reparto di Roma, hanno fatto emergere che la società estera era, di fatto, amministrata al 100% da un soggetto residente in Italia, peraltro, socio dell’azienda italiana ispezionata.

 

Sulla scorta dei rilevanti elementi di riscontro acquisiti, che hanno permesso di ricostruire l’effettivo ammontare delle operazioni commerciali intercorse tra le due società, negli anni dal 2014 al 2020, è stato possibile qualificare come “esterovestita” l’impresa estera, riconducendone in Italia l’effettiva residenza fiscale. Sono stati acquisiti inequivocabili elementi di prova che tutte le decisioni riguardanti alla gestione commerciale e finanziaria venivano prese nel territorio nazionale e che, nel Paese estero, non vi fosse mai stata alcuna amministrazione effettiva, ma una mera domiciliazione di comodo.

 

L’”esterovestizione societaria” è una prassi illegale che, purtroppo, diversi imprenditori architettano, nel tentativo di sottrarsi al pagamento delle imposte effettivamente dovute in Italia, che, nel caso specifico ammontano ad oltre 500 mila euro.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 23 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

25 January - 05:01

Un punto appare fermo: la data del 15 febbraio è un po' l'ultima chiamata. L'inverno è compromesso da tempo e siamo già ai tempi supplementari di una stagione mai partita. Un discrimine forte potrebbe poi essere quello della mobilità: "Si deve distinguere tra turismo e servizio alla collettività. Persi circa 30 milioni di euro solo per la società impianti''

25 January - 10:34

"Motivi personali" all'origine della temporanea sostituzione del direttore del Muse, Michele Lanzinger: "Sarò sostituito da Massimo Eder fino al 22 febbraio". Il museo sotto la sua guida è riuscito in questi anni a macinare record su record. La sostituzione momentanea  contenuta in una delibera che vede come relatore il presidente Maurizio Fugatti 

25 January - 09:52

Il fiuto dei cani antidroga è risultato decisivo per il sequestro di diverse decine di grammi di sostanze stupefacenti. I controlli degli agenti della questura si è concentrato su alcuni locali noti per la presenza di soggetti connessi allo spaccio, che alla vista delle forze dell'ordine hanno cercato inutilmente di disfarsi delle dosi di cui erano in possesso

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato