Contenuto sponsorizzato

Neonato trovato morto tra i cespugli, la madre è libera

Si attende ora il termine delle indagini, la donna avrebbe raggiunto alcuni famiglia a Ferrara. Il corpo senza vita del piccolo era stato trovato lo scorso settembre e poco dopo rintracciata la madre 

Pubblicato il - 10 gennaio 2020 - 08:33

LANA. La madre del neonato trovato morto lo scorso settembre è libera e attende ora la fine delle indagini. La giovane donna, 25enne rumena, raccoglitrice di frutta, originaria dell'Est europeo, che lavorava per alcune aziende locali, si trova ora a Ferrara assieme a dei famigliari.

 

Il piccolo era stato trovato fra i cespugli lungo una strada fra Lana e Cermes, vicino all'imbocco della passeggiata Waalweg, inutili i tentativi di soccorrerlo il bimbo era ormai senza vita (QUI L'ARTICOLO).

 

Immediatamente i carabinieri avevano avviato le indagini per cercare di risalire alla madre che è stata poi trovata il giorno successivo il ritrovamento (QUI L'ARTICOLO).

 

La donna è rimasta per alcuni giorni in ospedale e poi è stata trasferita al carcere di Trento.

 

L'ipotesi d'accusa è quella di omicidio volontario aggravato.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 22 dicembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

17 gennaio - 19:26

Sono 332 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 47 pazienti sono in terapia intensiva e 46 in alta intensità. Oggi sono stati comunicati 4 decessi di cui 3 in ospedale

17 gennaio - 19:26

Mentre ci sono territori che vedono confermata in toto la loro fornitura il Trentino dimezza i suoi numeri. L'assessora: ''La campagna di vaccinazioni anti Covid in Trentino va avanti come previsto, per lo meno nell’immediato''. Domani il richiamo per i primi vaccinati del 27 dicembre

17 gennaio - 21:08

I sindacati intervengono dopo che la Provincia a trazione leghista è uscita nuovamente sconfitta in tribunale per quanto riguarda il criterio di almeno 10 anni di residenza per accedere alle case Itea. Grosselli, Bezzi e Alotti: "Solo una Giunta come quella trentina poteva concepire una misura così indegna. La Pat disapplichi la norma o dovranno pagare la sanzione di tasca propria"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato