Contenuto sponsorizzato

Neonato trovato morto a Lana. L'autopsia conferma: è morto per soffocamento. La madre, in attesa di sapere i reati imputati, è in carcere

Dopo il terribile ritrovamento di un neonato in un cespuglio a Lana, l'autopsia condotta a Bolzano ha confermato l'ipotesi più probabile. Il bimbo sarebbe nato vivo, per poi morire poco dopo per soffocamento. La madre, accompagnata al carcere di Trento, attende di conoscere l'accusa di reato

Di Davide Leveghi - 20 September 2019 - 18:54

BOLZANO. L'ipotesi più probabile è stata accertata, il neonato trovato senza vita tre giorni fa a Lana è morto per soffocamento. È quanto ha stabilito l'autopsia, condotta questa mattina a Bolzano.

 

All'esame autoptico, riferisce la Procura della Repubblica di Bolzano, è emerso che il bimbo è nato vivo, avendo esalato alcuni respiri. È poi morto per soffocamento, e le lesioni che presentava sul corpo, dovute a una caduta, non sono state alla base del decesso. Sarebbe infatti accaduta presumibilmente dopo la morte.

 

Il giudice delle indagini preliminari del Tribunale del capoluogo atesino, intanto, ha convalidato il fermo disposto dal pubblico ministero nei confronti della madre, una venticinquenne rumena accusata di averlo abbandonato nel cespuglio dov'è stato poi ritrovato, avvolto con la testa in un panno.

 

La giovane è attualmente rinchiusa nella casa circondariale di Trento, in attesa di capire quali siano i capi d'accusa che le si imputano, se infanticidio – pena dai 4 ai 12 anni – o omicidio aggravato – pena l'ergastolo. Si indaga inoltre se la donna sia stata aiutata da un'altra persona.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 21 giugno 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Politica
22 giugno - 16:59
Il consigliere del Pd aveva chiesto spiegazioni sul perché alcuni alberghi trentini sul sito di Visit Trentino invece che la canonica dicitura [...]
Cronaca
22 giugno - 17:18
Sono stati analizzati 1.473 tamponi tra molecolari e antigenici. Ci sono 3 pazienti in terapia intensiva. Oltre 400 mila le dosi di vaccino [...]
Cronaca
22 giugno - 16:39
All'inizio degli anni '60 del secolo scorso, un precursore della libera professione, fra i periti industriali, affermandosi ben presto, per le sue [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato