Contenuto sponsorizzato

Oltre 3300 interventi in anno e più di 15mila ore di lavoro. Ecco i numeri del corpo permanente dei vigili del fuoco

La Provincia di Bolzano ha comunicato i numeri dell'anno solare 2019 del corpo permanente dei vigili del fuoco. Con una media di 9,15 interventi al giorno e 278 al mese, i 130 uomini e le 2 donne che lo compongono intervengono in tantissime circostanze, dagli incendi alle alluvioni, garantendo tutela ai cittadini

Pubblicato il - 15 ottobre 2020 - 16:18

BOLZANO. Oltre 3300 interventi in più di 15mila ore. È questo il “bottino” annuale dei vigili del fuoco permanenti altoatesini, che nel bilancio sulle operazioni compiute nel 2019 “snocciolano” i vari dati offrendo una panoramica dell'intenso e preziosissimo lavoro svolto tutti i giorni, 24 ore su 24. “In Alto Adige il corpo permanente dei vigili del fuoco assicura interventi rapidi a tutela della popolazione anche nel caso siano necessarie diverse uscite in contemporanea”, ha commentato l'assessore competente alla protezione civile Arnold Schuler.

 

Per il corpo permanente, in Alto Adige, lavorano 130 uomini e 2 donne, gestendo il compito di coordinamento dalla sede centrale di via Druso, a Bolzano, e nella stazione aeroportuale. I turni, da parte loro, ricoprono tutte e 24 le ore per tutti e 365 i giorni l'anno. Un impegno che vede compiersi ogni giorno con dedizione, accanto ad una rete capillare che sul territorio conta 306 corpi volontari.

 

Quando si verificano precipitazioni di grande intensità con rischio di alluvioni il Centro operativo viene allestito nella sede dei vigili del fuoco di Bolzano”, riferisce il direttore della Protezione civile Rudolf Pollinger. Se gli eventi si svolgono su larga scala, tutte le informazioni vengono gestite dal Centro operativo, che coordina l'azione su tutto il territorio, prendendo le decisioni sugli interventi da fare.

 

Nei 2 fine settimana caratterizzati da abbondanti precipitazioni, alla fine di agosto e al principio di ottobre, i vigili del fuoco hanno svolto in Alto Adige una sessantina di interventi circa. Dopo che le strade e le piazze di Bolzano erano state bloccate dalla caduta di alberi o da rami spezzati, i pompieri altoatesini, insieme ai volontari delle zone di Gries, Oltrisarco e centro, le hanno sgomberate, oltre a svolgere diverse operazioni sugli allegamenti che hanno colpito cantine, garage e sottopassi.

 

Tante sono le situazioni in cui i vigili del fuoco possono svolgere il proprio ruolo, a partire dalle operazioni antincendio e dall'assistenza tecnica urgente. “In queste circostanze siamo i primi responsabili”, spiega il comandante Florian Alber. Smottamenti, alluvioni, danni provocate da tempeste, abbonda nevicate e altre situazioni eccezionali sono altri momenti in cui il ruolo svolto dai pompieri diviene essenziale. Eliminare o stabilizzare queste situazioni è nondimeno il loro scopo.

 

Ma veniamo ai numeri, che più di ogni altra cosa, possono dare un segno dell'impegno profuso nell'anno solare 2019 da parte del corpo permanente. Gli interventi svolti da questo sono stati 3341, con oltre 15499 ore uomo per tutti questi. Il totale degli incendi spenti (inclusi i falsi allarmi) sono stati invece 514, mentre 2827 gli interventi di assistenza tecnica. Al mese, il corpo permanente di Bolzano ha svolto 278 operazioni, per un totale di 9,15 operazioni al giorno.

 

Il mese del 2019 più impegnativo è stato agosto, con 505 operazioni portate a termine. Di segno opposto gennaio, in cui gli interventi sono stati 187. Il giorno con il numero maggiore di operazioni svolte è stato il 6 agosto 2019, quando i vigili del fuoco permanenti di Bolzano sono intervenuti ben 163 volte.

 

Per gli amanti delle curiosità, infine, i momenti della giornata con più e meno interventi sono rispettivamente i lassi di tempo tra le 14 e le 18 e tra le 3 e le 4 del mattino.

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Politica
02 dicembre - 20:39
Dopo le rivelazioni del sindaco Finato si allungano le ombre sul progetto per il Nuovo ospedale di Cavalese. Ora Cia chiede conto del ruolo avuto [...]
Cronaca
02 dicembre - 15:54
Il Centro in via Dogana 1 ha iniziato ad accogliere le vittime di violenza dai primi anni 2000, partendo da 92 arrivando a 335 nel 2021. [...]
Cronaca
02 dicembre - 19:23
Raffaele Sollecito fu condannato in primo grado nel 2009 e poi definitivamente assolto insieme ad Amanda Knox,  per la morte di [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato