Contenuto sponsorizzato

Orsi maltrattati al Casteller, il ministro Costa: ''Fugatti corra ai ripari. Porti in quota gli orsi per essere liberati e monitorati''

Il ministro dell'Ambiente interviene sulla relazione fatta dai Carabinieri del Cites dopo la visita al Casteller. Le condizioni descritte dei tre orsi M49, DJ3 e M57 sono gravi e nelle scorse ore le associazioni animaliste hanno deciso di denunciare il presidente Fugatti per maltrattamento animali. Costa: "Tenere animali come gli orsi in gabbia è già di per sé innaturale"

Di G.Fin - 02 October 2020 - 08:47

TRENTO. “Fugatti corra ai ripari. Porti in quota gli orsi per essere liberati e monitorati con un radiocollare adeguato”. E' arrivato nella serata di ieri il commento del ministro dell'Ambiente Sergio Costa sulle delicate indagini  portate avanti dai carabinieri Cites, l'organo che tutela le specie di fauna e flotta protette, al Casteller dove il ministero li ha inviati per capire la situazione in cui stanno vivendo i tre orsi che si trovano all'interno. 

 

La relazione fatta dalle forze dell'ordine ha avuto un forte eco anche sulla stampa nazionale. Riporta una situazione psico – fisica molto grave dei plantigradi e sulla quale è in corso ancora una fase investigativa. 

 

Dal rapporto (QUI L'ARTICOLO) emerge che “M49 ha smesso di alimentarsi e si scarica contro la saracinesca della sua tana”  ma non solo perchè  “M57 ripete costantemente dei movimenti in maniera ritmata causandosi lesioni cutanee all’avambraccio sinistro” e ancora  “DJ3 si nasconde e non entra nella tana per alimentarsi”. Viene poi precisato che “Sia M49 che M57 saranno costretti per circa quattro mesi ad una detenzione in spazi per nulla ampi e privi di stimoli ambientali”.

 

Una fotografia molto grave della situazione in cui i tre orsi stanno vivendo che ha portato gli animalisti a denunciare il presidente della Provincia, Maurizio Fugatti, per maltrattamento di animali. 

Tenere animali come gli orsi in gabbia è già di per sé innaturale” ha affermato attraverso un post su Facebook il ministro Costa.  “Papillon e gli altri due orsi detenuti a Casteller soffrono, sono in gabbie piccole e si stanno alimentando poco. Dopo che M49 è stato catturato per la terza volta in Trentino ho immediatamente mandato un controllo dei Carabinieri del Cites, con esperti e veterinari”.

 

Il ministro dell'Ambiente chiede al presidente Fugatti di intervenire immediatamente. “Io chiedo – ha spiegato - che il presidente della provincia di Trento, responsabile della scelta di catturare questi orsi, corra ai ripari. Devono essere portati in quota, liberati e monitorati con un radiocollare adeguato. Tra poco andranno in letargo, hanno il diritto a vivere in montagna, nel loro habitat, dove possono essere seguiti e geolocalizzati in ogni momento”.

 

Sono state le associazioni animaliste che dopo essere venute a conoscenza della situazione al Casteller avevano chiesto un intervento diretto del ministro per salvare gli orsi.  “Sono sicuro – ha concluso Costa - che la giustizia faccia il suo corso e possa attestare le condizioni in cui versano i tre orsi, che sicuramente non meritano questa non-vita”.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 22 dicembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

15 January - 19:18

Nella conferenza stampa straordinaria organizzata dalla giunta provinciale di Bolzano, Arno Kompatscher si è detto sconcertato dalla scelta del Cts di trasformare l'Alto Adige in zona rossa. "Abbiamo inviato una lettera a Roma. Sulla base dei dati confermiamo con l'ordinanza di stasera la zona gialla"

15 January - 19:30

Sono tantissime le prese di posizione (di partiti e istituzioni) in favore della testata ma colpiscono, in particolare, le dichiarazioni di Fugatti (che si dice ''sorpreso''), dei sindacati (che ancora parlano di ''investimento'' riferendosi all'operazione predatoria compiuta sull'editoria locale da parte di Athesia) e dell'Ordine dei Giornalisti (che esprime la sua ''solidarietà''). Ora si pensi ai giornalisti ma non si dimentichino i collaboratori esterni e i fotografi che da una vita lavorano per poche decine di euro al giorno mettendoci tutto quel che hanno

15 January - 18:35

Il direttore sanitario dell'Apss, Antonio Ferro spiega: "Preoccupa il livello di occupazione dei posti letto negli ospedali". Il presidente della Provincia chiede ancora "senso di responsabilità" ai trentini 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato