Contenuto sponsorizzato

Ottiene 9000 euro di reddito di cittadinanza mentre si trova in carcere per furto. Denunciato un uomo

Un uomo è stato denunciato nel meranese per aver continuato a percepire il reddito di cittadinanza nonostante si trovasse in carcere. Non avendolo comunicato all'Inps, in quasi un anno era arrivato ad accumulare 9000 euro. Denunciato anche un ristoratore che aveva dichiarato un reddito più basso, intascando lo stesso beneficio per 5400 euro

Pubblicato il - 15 settembre 2020 - 11:39

MERANO. Per percepire il reddito di cittadinanza avevano omesso di comunicare delle informazioni necessarie. Due uomini sono stati denunciati dalla guardia di finanza della compagnia di Merano con l'accusa di aver percepito il sussidio di cittadinanza in assenza dei requisiti previsti dalla legge.

 

Nel mirino dei finanzieri è finito innanzitutto un ristoratore operante nel territorio meranese, che nel periodo tra il giugno 2019 e il gennaio 2020, ha richiesto e ottenuto 5400 euro a titolo di reddito di cittadinanza, nascondendo gli utili che effettivamente conseguiva nella sua attività economica. Scovato per un controllo da parte delle Fiamme gialle, l'uomo è stato denunciato alla procura della Repubblica per violazione della normativa sul reddito di cittadinanza, avendo intascato indebitamente la suddetta somma.

 

L'altro soggetto trovato a violare la normativa è un residente meranese che, nonostante l'arresto per un furto in abitazione, continuava a percepire lo stesso tipo di beneficio nel periodo compreso tra il settembre 2019 e l'agosto 2020. Non avendo comunicato all'Inps, come da regolamento, il proprio stato detentivo, l'uomo si è visto bloccare il sussidio dopo aver indebitamente riscosso 9000 euro a titolo di reddito di cittadinanza.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.08 del 18 Settembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

19 settembre - 13:12

Il 19 settembre 2019 il Parlamento europeo votava una mozione sull'importanza della memoria, suscitando diverse proteste tra gli ex comunisti (e gli storici) italiani, che gridarono alla banalizzazione della storia e a un'inaccettabile equiparazione tra nazismo e comunismo. Lo storico Marcello Flores D'Arcais: "Il documento, coi suoi limiti, esprime il desiderio dell'Europa di costruire un racconto comune del passato. Il clamore suscitato in Italia fu dovuto al rifiuto della storia in nome dell'identità"

19 settembre - 12:36

L'allerta è scattata intorno alle 7.30 di oggi, sabato 19 settembre, sull'Agner. Il 23enne stava procedendo in conserva insieme al compagno di cordata sulla parte sommitale dello zoccolo dello Spigolo nord. In azione il Pelikan di Bolzano, il Soccorso alpino di Agordo e l'equipe medica

19 settembre - 11:02

Salgono a quasi 1800 le persone in quarantena e di queste una cinquantina sono di ritorno da Croazia, Grecia, Spagna o Malta. Il rapporto tamponi – contagi rimane sopra l'1% 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato