Contenuto sponsorizzato

Rientra in casa con la bimba e si imbatte nei ladri, momenti di paura per Francesca Dallapè

La campionessa e argento olimpico è rincasata con la bimba e si è trovata davanti alcuni malviventi intenti a rubare all'interno della sua abitazione. I ladri sono poi scappati dalla finestra, le medaglie ritrovate in un cespuglio

Pubblicato il - 15 febbraio 2020 - 12:46

TRENTO. Serata di paura per Francesca Dallapè quella di venerdì 14 febbraio, quando la tuffatrice è rientrata a casa in collina a Trento e si è trovata davanti i ladri.

 

La campionessa e argento olimpico è rincasata con la bimba e si è imbattuta in alcuni malviventi intenti a rubare all'interno della sua abitazione. 

 

Scoperti, i ladri sono scappati dalla finestra. Anche Dallapè si è data alla fuga ma è caduta e si è procurata alcune ferite. Fortunatamente nessuna conseguenza per la bambina. 

 

Nel frattempo è stato lanciato l'allarme e sul posto si è portata la polizia per effettuare i rilievi, ricostruire la dinamica e avviare le indagini.

 

I malviventi si erano allontanati con le medaglie conquistate dalla tuffatrice in carriera: 8 europee, due mondiali e l'argento alle Olimpiadi.

 

Il cofanetto è stato poi trovato poco lontano, abbandonato in un cespuglio. Gli agenti hanno recuperato la refurtiva. 

 

Sono in corso le indagini della polizia, coordinate da Sandro Raimondi, procuratore di Trento.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 27 maggio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

28 maggio - 11:06

Il Trentino non è ancora uscito dall’emergenza sanitaria, il matematico del Cnr Sebastiani: “Lombardia, Liguria, Piemonte e la provincia di Trento, tornano a preoccupare, qui i valori dell'incidenza vanno da 1,6 a 3,4 nuovi casi al giorno per 100.000 abitanti, situazioni che andranno monitorate con attenzione”

28 maggio - 16:01

Senza prospettive, spiega il sindacato di via Muredei, c'è il rischio che numerosi insegnanti vadano in altre regioni provocando l'impoverimento della nostra scuola

28 maggio - 11:40

"Ma il Primiero è una valle di incivili?", questa la domanda con cui si apre la lettera del Consiglio Direttivo della sezione Sat Primiero dopo le dimissioni dall'incarico di presidente di Erwin Filippi. Tra le ragioni della scelta ci sarebbero il dialogo assente con la Sat di Trento e le numerose polemiche emerse sul Jeep Camp, sul Suzuki Tour e ora la strada forestale in zona Crel

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato