Contenuto sponsorizzato

Ruzzolano per venti metri riportando una frattura a una gamba e diversi traumi. Recuperate due alpiniste ventenni

Un elicottero del Soccorso Alpino di Pieve di Cadore ha recuperato due alpiniste poco più che ventenni ruzzolate da una parete della Marmolada e impedite a proseguire per i traumi riportati. Aiutate da un dottore per caso lì con un'altra cordata, le due sono state recuperate con il verricello e elitrasportate all'ospedale

Pubblicato il - 19 August 2020 - 17:23

BELLUNO. Giunti sul posto i tecnici del Suem di Pieve di Cadore si sono resi conti che l'intervento era di natura ben più pressante rispetto a quanto comunicato nell'allarme. Non si trattava affatto di un semplice trauma ad una caviglia subito su un sentiero, bensì di una caduta ben diversi metri da parte di due giovani alpiniste francesi lungo uno zoccolo roccioso.

 

L'intervento è cominciato alle 8.20 circa, quando l'elicottero del Suem di Pieve di Cadore è decollato in direzione Marmolada, verso Rocca Pietore. Alla case della parete sud, due alpiniste di 21 e 22 anni stavano preparandosi ad attaccare una via quando sono scivolate ruzzolando sulla roccia per una ventina di metri. Una delle due riportava una probabile frattura della gamba, traumi al polso e alla schiene, mentre la compagna una sospetta distorsione al piede.

 

Individuate le ragazze, un tecnico si è calato con il verricello, supportato da un medico. Un dottore che faceva parte di un'altra cordata aveva intanto garantito la prima assistenza alla ragazza. Recuperate, entrambe le rocciatrici sono state trasportate a Belluno.

 

Passate le 13, l'eliambulanza veniva invece inviata ad Auronzo di Cadore, tra il Col de Varda e il Rifugio Città di Carpi, dove alcuni passanti si erano imbattuti in un uomo colto da malore e avevano lanciato l'allarme. Sbarcati con il verricello, equipe medica e tecnico hanno prestato le prime cure al 79, originario di Bologna, imbarellato e portato al San Martino per le verifiche del caso.

 

L'elicottero, infine, veniva inviato al Rifugio Tissi, nel Comune di Alleghe, per prelevare una donna già assistita dal rifugista. La donna, 61 anni di Padova, si trovava con il marito e la figlia sotto la rampa che sale al rifugio, dove si procurava un probabile trauma alla caviglia. Accompagnata nelle vicinanze di Agordo, veniva a quel punto trasportata all'ospedale con l'ambulanza.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 20 aprile 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
21 aprile - 16:22
Dopo il video che Beppe Grillo ha caricato sul web per difendere il figlio indagato per violenza sessuale di gruppo, sono state tante le [...]
Cronaca
21 aprile - 16:18
Sono stati analizzati 2.635 tamponi tra molecolari e antigenici. Oggi 22 casi tra over 60 e 25 contagi tra giovani e ragazzi in età scolare
Ambiente
21 aprile - 15:39
Per i portavoce dei biodistretti di Trento, Gresta e Valle dei Laghi il ddl promosso dall'assessora Zanotelli è da bocciare: ''I tempi [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato