Contenuto sponsorizzato

Senzatetto a Trento, prorogati (e rimodulati) i servizi di accoglienza ma ora il problema è la mancanza di spazi. Comune e associazioni alla ricerca di strutture

Nel Tavolo Inclusione si è deciso di prorogare, per il memento solo fino a fine luglio, i servizi ma Comune, associazioni e cooperative devono risolvere il problema degli spazi. Si cercano nuove strutture per ospitare le persone e anche per adibire a deposito bagagli 

Di gf - 02 giugno 2020 - 15:01

TRENTO. Lo sfratto per i senzatetto è stato fermato (o rimandato). La decisione è arrivata ieri pomeriggio durante la riunione del Tavolo Inclusione, composto da tutte le realtà a vario titolo coinvolte nel sistema di accoglienza comprese i rappresentati istituzionali di Comune e Provincia.

 

Si è deciso una rimodulazione dei servizi di accoglienza fino al 31 luglio e soprattutto, cosa non semplice, c'è l'impegno di trovare nuovi spazi per i tanti che chiedono un posto dove stare. L'emergenza coronavirus, infatti, ha messo ulteriormente sotto pressione le strutture presenti che possono offrire meno posti visto le regole del distanziamento sociale che devono essere osservate.

 

Le cooperative e le varie associazioni si dovranno quindi organizzare e ieri sul tavolo sono già diverse le proposte arrivate e che saranno vagliate nei prossimi giorni.  Al tavolo di ieri si è giunti dopo le polemiche partite nei giorni scorsi a causa della mancata proroga da parte della Provincia dei servizi straordinari di bassa soglia. Una situazione che aveva portato a circa 160 persone essere costrette a lasciare il proprio posto e tornare a dormire all'aperto.

 

A mobilitarsi erano state diverse associazioni, l'Assemblea Antirazzista di Trento aveva chiesto a Comune e Pat di intervenire e di potenziare anche il servizio, ad oggi sono ancora tanti quelli che dormono sulle panchine, sotto un ponte e sui marciapiedi.  A cercare una via d'uscita con una proroga fin da subito è stata l'assessora e vicesindaca Mariachiara Franzoia avviando un dialogo con la Provincia che si è sviluppato ieri nell'incontro con le diverse associazioni e con la possibilità data di dare accoglienza ai senzatetto fino a fine luglio.

 

I problemi, però, non sono finiti. L'impegno ora, infatti, è quello di trovare nuovi luoghi dove poter accogliere chi si trova senza un posto dove stare. Sia diurno che per dormire. Nei prossimi giorni associazioni e amministrazione comunale valuteranno alcune opzioni.

 

C'è poi la questione bagagli, zaini, borse e valigie che per chi si trova in strada rappresentano la propria vita. Anche in questo caso si stanno cercando delle soluzioni per riuscire a trovare una struttura che funga da deposito.

Sul tavolo sono state messe delle proposte che vanno dalla disponibilità di Casa Paola di 12 posti, all'apertura alcune ore il sabato di casa Baldé per la distribuzione di una sorta di “cestino da viaggio”. Altre proposte saranno valutate nei prossimi giorni all'interno del Tavolo Inclusione.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 25 novembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

26 novembre - 18:38

Sono stati analizzati 4.323 tamponi, 297 i test risultati positivi. Il rapporto contagi/tamponi si attesta al 6,87%. Ci sono 460 pazienti nei normali reparti ospedalieri di cui 43 in terapia intensiva

26 novembre - 17:12

Con una crisi in atto, intere regioni che sono state in lockdown, il virus ancora molto presente e i decessi in aumento ha senso spingere per attivare il comparto della montagna che, giocoforza come qualsiasi ambito turistico, vive dell'assembramento altrimenti può anche non aprire, o non è meglio spingere compatti per ristori all'altezza delle perdite che ci saranno, prima di tutto per ristoratori, albergatori, artigiani e tutto il mondo della montagna prima che gli impianti che comunque dal pubblico hanno sempre avuto rassicurazioni 

26 novembre - 16:34

Una anziana di 82 anni è stata investita nella serata di mercoledì 25 novembre lungo la strada che dalla frazione di San Costantino porta a Fiè allo Sciliar. L'investitore, alla guida di un'automobile nera, si è dato alla fuga, non prestando soccorso alla malcapitata. La donna è stata portata in elicottero all'ospedale San Maurizio di Bolzano, dove le è stata constatata la rottura del femore

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato