Contenuto sponsorizzato

Si apre una voragine in una strada di San Giovanni di Fassa (FOTO ALL'INTERNO)

La voragine si è aperta su una strada secondaria a Pozza di Fassa, nel Comune di San Giovanni. La rottura dell'acquedotto ha portato al collasso dell'asfalto, fortunatamente non coinvolgendo alcun veicolo o passante. Immediato l'intervento di vigili del fuoco e della polizia locale, che hanno messo in sicurezza la strada. Lavori di ripristino in corso

Pubblicato il - 25 febbraio 2020 - 18:35

SAN GIOVANNI DI FASSA. La rottura dell'acquedotto ha provocato la creazione di una voragine nel Comune di San Giovanni di Fassa. L'asfalto ha ceduto nella giornata di lunedì 24 febbraio lasciando l'ingresso di due case interrotto e, fortunatamente, senza coinvolgere alcun veicolo o passante.

 

Il fatto è avvenuto in una strada secondaria, la Streda de Sora, a Pozza di Fassa, paese che con Vigo forma dal 2018 il Comune di San Giovanni. 

 

Immediato l'intervento della polizia locale e dei vigili del fuoco di Pozza, che hanno messo in sicurezza la via con le transenne. Il lavoro di sistemazione è partito martedì 25, e da mercoledì la voragine dovrebbe essere colmata. 

 

 

 

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 22 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

23 ottobre - 11:55

Il manifestarsi dei sintomi da Covid-19 nella famiglia di Nicola Canestrini ha portato l'avvocato a denunciare una situazione di disorganizzazione dell'Azienda sanitaria. Da giorni, infatti, le richieste di fare un tampone finiscono nel nulla, visto anche che a Rovereto non è possibile effettuarli a pagamento. "Disorganizzazione a marzo comprensibile, ora non più''

23 ottobre - 12:35

Sono numerosi gli utenti che stanno riscontrando problemi a navigare su internet e il blocco totale delle chiamate 

23 ottobre - 11:18

Il rapporto contagi/tamponi si attesta al 10% perché i test eseguiti sono stati oltre 2.800. Dato in linea con quello rilevato ieri nel vicino Trentino dove, però, si contano molti più morti (dalla seconda ondata sono già 18 contro i 3 di Bolzano)

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato