Contenuto sponsorizzato

Strada dei Crozi, consegnati i lavori per garantire la viabilità tra Trento e Pergine. Poi diventerà una ciclabile

Nella prima fase l'obiettivo è quello di garantire un adeguato smaltimento del flusso veicolare - attualmente di oltre 22.000 veicoli al giorno in uscita dalla città - durante i lavori di ristrutturazione del viadotto “dei Crozi” verso la Valsugana. Questo intervento permetterebbe di avere, sempre e comunque per tutta la durata dei lavori, la doppia corsia di marcia nella direzione Trento-Pergine

Pubblicato il - 24 giugno 2020 - 15:54

TRENTO. Sono stati consegnati i lavori per la sistemazione della "vecchia strada dei Crozi", sede storica della viabilità di collegamento tra Trento e la Valsugana dismessa da 45 anni. 

 

Nella prima fase l'obiettivo è quello di garantire un adeguato smaltimento del flusso veicolare - attualmente di oltre 22.000 veicoli al giorno in uscita dalla città - durante i lavori di ristrutturazione del viadotto “dei Crozi” verso la Valsugana. Questo intervento permetterebbe di avere, sempre e comunque per tutta la durata dei lavori, la doppia corsia di marcia nella direzione Trento-Pergine.

Il progetto appaltato estende il ripristino della funzionalità dell’intera strada, la quale, al termine della funzione di transito provvisorio per i soli mezzi leggeri, resterà come percorso ciclopedonale della tratta Trento-Pergine. Il completamento dell'opera è previsto tra circa 8 mesi.

 

Nel corso dell’anno 2019 è stata effettuata la progettazione esecutiva da parte del Servizio opere stradali e ferroviarie dell’opera al fine del completo ripristino della funzionalità della "vecchia strada dei Crozi” comprensiva della realizzazione di uno svincolo provvisorio di accesso alla Ss 47 della Valsugana in corrispondenza dell’uscita della omonima galleria in direzione Pergine.

 

Sono previsti i seguenti lavori di adeguamento: realizzazione del raccordo stradale tra la “vecchia strada dei Crozi” e la Ss47 all’uscita della galleria “Crozi 1” in direzione Pergine; pulizia e integrazione della rete di smaltimento delle acque esistente lungo la vecchia arteria stradale e il ripristino della funzionalità con l’installazione di una canaletta alla francese per lo smaltimento delle acque di piattaforma; nuova asfaltatura lungo tutta la lunghezza del tratto e sistemazione del guard-rail.

 

La soluzione progettuale è stata valutata in base all’esigenza di garantire la funzionalità e la sicurezza al transito sul tratto di strada anche in vista dell’utilizzo futuro della stessa arteria come percorso protetto o comunque riservato alle biciclette, dove il traffico motorizzato verrà generalmente escluso se non per esigenze di servizio.

 

Principali dati tecnico-amministrativi
Progettista: geom. Rosario Sala
Coordinatore della Sicurezza in fase di Progettazione: geom. Marco Valentini 
Direttore dei Lavori: geom. Rosario Sala 
Coordinatore della Sicurezza in fase di Esecuzione: geom. Raffaele Baldessarini 
Impresa Appaltatrice: MORELLI S.r.l. di Pergine Valsugana (TN)
Costo complessivo dell’opera: 1.260.000 euro
Data consegna lavori: 24.06.2020
Tempo contrattuale: 240 giorni naturali e consecutivi

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 23 settembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

23 settembre - 19:24

Sono 6.405 casi e 470 decessi in Trentino per l'emergenza coronavirus. Nelle ultime 24 ore sono stati analizzati 2.227 tamponi, 22 i test risultati positivi per un rapporto che si attesta a 0,99%

23 settembre - 19:31

Mosaner e Betta non vincono al primo turno e sono costretti a un insidioso ballottaggio. Malfer e Parisi hanno la possibilità di influenzare pesantemente il voto del 4 ottobre, mentre la Lega si giocherà il tutto per tutto puntando forte su Santi e Bernardi. Nell’Alto Garda domina l’incertezza

22 settembre - 17:37

La campagna elettorale si fa (anche) a suon di carta (volantini, biglietti da visita, brochure) che, spesso, copre le nostre città. Una lista civica di Brentonico ha, quindi, cercato di trovare una soluzione ecologica e sostenibile: "Abbiamo utilizzato una carta biodegradabile con all'interno dei semi. Il bigliettino da visita può così essere 'piantato' per far germogliare dei fiori amici degli insetti impollinatori"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato