Contenuto sponsorizzato

Strangola la moglie affetta da una grave malattia, poi si suicida gettandosi nel lago. Dramma a Bardolino

Il corpo dell’uomo classe 1942 è stato ripescato dalle acque del lago di Garda, secondo una prima ricostruzione dei carabinieri l’episodio sarebbe riconducibile a un omicidio-suicidio

Pubblicato il - 30 maggio 2020 - 11:20

BARDOLINO (VR). Il corpo dell’uomo classe 1942 è stato ripescato dalle acque del lago di Garda questa mattina, 30 maggio, nelle immediate vicinanze del porto di Bardolino in provincia di Verona. 

 

Secondo una prima ricostruzione si tratterebbe di un gesto volontario dell’anziano che poco prima aveva ucciso la moglie convivente.

 

Per i carabinieri l’uomo avrebbe soffocato la moglie affetta da tempo da una grave malattia, da capire le ragioni che hanno spinto l’anziano a compiere un gesto così estremo e violento.

 

Le indagini sono affidate ai carabinieri di Peschiera del Garda che stanno ricostruendo gli ultimi tasselli di questa drammatica vicenda (QUI aggiornamento).

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 04 luglio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

04 luglio - 19:55

Una sorta di sconto che lo Stato italiano fornisce a chi decide di soggiornare presso una struttura ricettiva italiana. Tra i trentini che hanno colto l'occasione anche Stefano Grassi: "In poco tempo arriva un codice che si dovrà poi mostrare all'albergatore per ottenere lo sconto"

04 luglio - 19:47

Il candidato sindaco è pronto a guastare la festa sia “alla coalizione arcobaleno” che alla “disaggregazione di destra”. Carli vuole plasmare una Trento sul modello delle grandi metropoli europee: “C’è bisogno di una leadership forte ed inclusiva, il Centrosinistra ha tenuto ferma la città per una generazione ora è tempo di riprendere in mano tutti i progetti rimasti incompiuti”

04 luglio - 13:26

Gli animalisti insorgono contro l’ordinanza di abbattimento: “JJ4 potrebbe essere accompagnata dai suoi cuccioli, Fugatti deponga subito i fucili, non accetteremo l’uccisione di un’altra orsa senza che siano state accertate le cause che hanno determinato lo scontro con le persone”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato