Contenuto sponsorizzato

Tragedia in montagna, si stacca una valanga e viene travolta una nota guida alpina: muore Matteo Bernasconi

L'uomo era molto conosciuto nell'ambiente alpinistico e faceva parte dei Ragni di Lecco. La valanga è successa sul Pizzo del Diavolo in provincia di Sondrio

Pubblicato il - 13 maggio 2020 - 10:01

CASTELLO DELL’ACQUA. E' stato recuperato, purtroppo senza vita, il corpo di Matteo Bernasconi questa mattina presto. L'uomo, 38 anni, guida alpina comasca, molto conosciuta nell’ambiente dell’alpinismo non ce l'ha fatta. Scomparso da ieri sotto una valanga è stato rivenuto grazie all'impegno del Cnsas e dalle unità cinofile da valanga con anche il soccorso alpino della guardia di finanza. 

 


 

L'allarme è scattato ieri sera. L'uomo non aveva fatto rientro a casa dopo un'uscita sul Pizzo del Diavolo, in Valtellina, e allora sono partiti i soccorsi che hanno raggiunto la zona e hanno trovato l'auto dell'alpinista parcheggiata all'imbocco della valle. A quel punto le ricerche si sono concentrate in quell'area. Sono stati impegnati il Cnsas - VII Delegazione Valtellina Valchiavenna, Stazione di Sondrio, con tecnici e Ucv (unità cinofile da valanga) e con il Sagf - Soccorso alpino Guardia di finanza.

 


 

Alcune ore dopo, il ritrovamento, ma non c’era più nulla da fare. Il recupero è terminato stamattina, con l’elicottero di Areu (Azienda regionale emergenza urgenza Lombardia), decollato dalla base di Caiolo (Sondrio). Barnasconi era originario di Como e residente a Busto Arsizio e dal 2003 era un alpinista dei Ragni di Lecco oltre che guida alpina. Alpinista esperto e, come detto, molto conosciuto, era da poco tornato da una missione in Patagonia

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 23 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

24 gennaio - 19:51

Sono 250 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 43 pazienti sono in terapia intensiva e 37 in alta intensità. Oggi sono stati comunicati 2 decessi, ma si aggiungono le 30 vittime in Rsa. Sono 47 i Comuni con almeno 1 nuovo caso di positività

24 gennaio - 17:45

Sale il numero dei pazienti in ospedale, stabile quello delle terapie intensive. Altri 2 decessi. Sono state registrate 7 dimissioni e 39 guarigioni nelle ultime 24 ore

24 gennaio - 17:44

Una tragica dimenticanza, un vuoto comunicativo che aggiorna ulteriormente il difficile bilancio dell'emergenza coronavirus in Trentino. Oggi il report riporta di altri 2 decessi, ma il totale sale a 726 vittime nella seconda ondata di Covid-19 e si porta a 1.196 morti da inizio epidemia a seguito di una verifica interna

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato