Contenuto sponsorizzato

Trento, esplode un tubo dell'acqua e danneggia la rete del gas. Un migliaio le famiglie coinvolte, tecnici di Novareti al lavoro senza sosta

I gravi danni sono stati rilevati nelle primissime ore di questa mattina e sono ancora in corso il lavori da parte dei tecnici di Novareti. L'intervento proseguirà anche nella giornata di domani 

Pubblicato il - 02 novembre 2020 - 19:30

TRENTO. Stanno lavorando senza sosta i tecnici di Novareti impegnati per riparare il guasto alla rete di distribuzione del gas che si è verificata a Trento sud nella zona di Madonna Bianca.

 

Per circa un terzo del migliaio di utenze coinvolte la regolarità della fornitura dovrebbe essere ripristinata nella giornata di oggi. Purtroppo la gravità del guasto e la conseguente complessità dell’intervento condizionano pesantemente i tempi per la risoluzione del problema. Per questo, infatti, i tecnici lavoreranno anche almeno per tutta la giornata di domani.

 

L'allarme è scattato questa mattina. Una fuoriuscita d’acqua ad alta pressione dalla rete di distribuzione idrica cittadina ha generato la rottura di un tratto della rete di distribuzione gas. A causa della situazione molte vie di Trento sud sono rimaste senza gas.

 

I tecnici di Novareti hanno rilevato l’allarme intorno alle 4 del mattino e sono subito intervenuti. Gli interventi di ripristino sono iniziati tempestivamente ma richiederanno per il gas ancora molte ore per essere ultimati.

 

La società desidera ringraziare i cittadini coinvolti che, nonostante il momento di difficoltà, stanno dimostrando spirito di collaborazione permettendo ai tecnici di operare al meglio rassicurandoli che aldilà dei disagi che questa situazione comporta la rete è in sicurezza e non ci sono situazioni di pericolo. Non appena la società avrà una miglior visibilità del completamento delle attività ne darà tempestivo aggiornamento.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 27 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

28 gennaio - 05:01

In una conferenza stampa a senso unico, come al solito, dove è impossibile interloquire e quindi riuscire a capire davvero qualcosa i due vertici dell'Apss hanno provato a spiegare la situazione alla luce dei dati completi mostrati da il Dolomiti in questo grafico dell'Apss. Tra le motivazioni dei troppi decessi il fatto che la popolazione trentina è particolarmente anziana. In valore assoluto, però, l'Alto Adige lo è ancora di più (il 15,6% della popolazione rispetto al 14,1% del Trentino di over 65) quindi quei 350 decessi in più non si spiegano

27 gennaio - 22:12

In particolare nel mese di novembre il Trentino è stato travolto dal contagio, ma solo una parte parziale dei dati è stato comunicato ufficialmente. L'ex rettore Bassi: " Per due mesi ci hanno raccontato che 'gli ospedali si erano riempiti perché i trentini ultra settantenni erano un po' troppo scapestrati e invece di starsene a casa, andavano in giro e si contagiavano'. Una bugia, purtroppo una delle tante"

28 gennaio - 08:24

Le ricerche fatte nell'Adige al momento non hanno portato ad alcuna novità. Intanto sono spuntati dei testimoni sul tentativo del figlio di recarsi in un autolavaggio per lavare l'auto ma è stato fermato dai carabinieri 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato