Contenuto sponsorizzato

Un base jumper precipita nell'Alto Garda. Operazioni rese complicate dall'oscurità

L'allerta è scattata intorno alle 20.45 di oggi, domenica 26 luglio, lo sportivo è decollato dal Monte Casale, quindi è caduto in località Moletta tra Arco e Dro

Pubblicato il - 26 luglio 2020 - 21:47

ARCO. La macchina dei soccorsi è in azione nell'Alto Garda per un base jumper precipitato in zona.

 

L'allerta è scattata intorno alle 20.45 di oggi, domenica 26 luglio, lo sportivo è decollato dal Monte Casale, quindi è caduto in località Moletta tra Arco e Dro.

 

Immediato l'allarme e sul posto si sono portati i soccorsi, ambulanza, vigili del fuoco di Arco, soccorso alpino e carabinieri.

 

Le forze dell'ordine e i pompieri hanno isolato e messo in sicurezza l'area, mentre da Trento si è alzato in volo l'elicottero per raggiungere la località dell'incidente.

 

Secondo le prime informazioni il pilota avrebbe riportato diverse lesioni e traumi, l'uomo è stato immobilizzato e stabilizzato, quindi è stato trasferito all'ospedale Santa Chiara di Trento.

 

L'intervento è reso particolarmente complesso per l'arrivo l'oscurità. Un altro grave incidente in questo sport estremo, ieri ha perso la vita Claudio Signorini alla base della parete zebrata a Dro (Qui articolo). 

 

QUI AGGIORNAMENTO

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.08 del 18 Settembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

19 settembre - 16:35

Sono stati analizzati 2.375 tamponi, 22 i test risultati positivi e 8 persone presentano sintomi. Il totale in Trentino è di 6.311 casi e 470 decessi da inizio epidemia

19 settembre - 15:55

L'escursionista, che si trovava con un amico all'uscita della 23esima galleria, ha perso l'equilibrio sul bordo della scarpata ed è caduto nel vuoto

19 settembre - 13:12

Il 19 settembre 2019 il Parlamento europeo votava una mozione sull'importanza della memoria, suscitando diverse proteste tra gli ex comunisti (e gli storici) italiani, che gridarono alla banalizzazione della storia e a un'inaccettabile equiparazione tra nazismo e comunismo. Lo storico Marcello Flores D'Arcais: "Il documento, coi suoi limiti, esprime il desiderio dell'Europa di costruire un racconto comune del passato. Il clamore suscitato in Italia fu dovuto al rifiuto della storia in nome dell'identità"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato