Contenuto sponsorizzato

Una sfiammata e il fumo, incendio a un camino di un'abitazione in centro paese. A lanciare l'allarme alcuni cittadini e accorrono i vigili del fuoco

L'allerta è stata lanciata intorno alle 10.30 nel centro abitato del paese all'imbocco meridionale della val Rendena. Immediato l'arrivo della macchina dei soccorsi con i vigili del fuoco di Villa Rendena e il corpo di Tione

Pubblicato il - 04 January 2020 - 14:45

PORTE DI RENDENA. Momenti di apprensione a Villa Rendena, dove è scattato l'allarme per un incendio.

 

L'allerta è stata lanciata intorno alle 10.30 nel centro abitato della frazione di Verdesina all'imbocco meridionale della val Rendena. 

 

Prima una sfiammata e poi una densa colonna di fumo si è levata dal tetto di un'abitazione. Immediato l'allarme lanciato da alcuni cittadini e sul posto si sono portati i soccorsi, vigili del fuoco di Villa Rendena, il corpo di Tione e le forze dell'ordine per effettuare i rilievi e stabilire le cause dell'incendio.

 

I pompieri hanno prima isolato e messo in sicurezza l'area, quindi si sono portati sulla copertura dell'abitazione per avviare le operazioni di spegnimento.

 

Il tempestivo intervento dei vigili del fuoco ha permesso di circoscrivere il fronte per evitare che il tetto venisse avvolto dalle fiamme.

 

Estinto l'incendio, i pompieri hanno iniziato le verifiche di stabilità della canna fumaria e del tetto mediante termocamera, oltre alla bonifica del materiale incendiato. 

 

Fortunatamente non si registrano feriti o intossicati, mentre sono in corso i rilievi per definire esattamente le cause dell'incendio.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 20 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

21 gennaio - 14:10

Nello stesso giorno un comunicato rassicurava i giornalisti anche spiegando che alcuni di loro sarebbero andati al web (affidato in questi giorni, invece, anche a colleghi dell'Adige e Alto Adige) mentre una lettera chiariva loro di non farsi illusioni. Oggi il primo incontro con i rappresentanti sindacali è andato malissimo e la proprietà ha messo a nudo sé stessa ribadendo modi e metodi non degni di quest'epoca e la provincia di Trento scopre cosa vuol dire essersi consegnati a un monopolio 

20 gennaio - 19:17

Il 21 gennaio 1921 il Partito socialista italiano, riunito a Livorno per il XVII Congresso, si spaccò. Una componente fuoriuscita fondò il Partito comunista d'Italia, forza che avrebbe segnato la storia del '900 italiano. Quella rottura fu però anche il sintomo della difficoltà a leggere il presente, con il fascismo che l'anno successivo avrebbe preso il potere. Lo storico Marcello Flores: "Nel momento in cui serviva maggiormente unità, ci si frantumò sulla rivoluzione. Ma la prospettiva rivoluzionaria era scomparsa"

21 gennaio - 12:08

La normativa trentina impugnata da Roma, nel modificare la legge provinciale 4 del 1998 in particolare per quanto riguarda le modalità e le procedure di assegnazione delle concessioni, secondo il governo “avrebbe ecceduto rispetto alle competenze riconosciute alla Provincia dallo statuto speciale di autonomia” e violato l’articolo 117, primo comma della Costituzione, che impone il rispetto del diritto europeo, e in particolare il principio della libertà di concorrenza 'per' il mercato”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato