Contenuto sponsorizzato

Vadena, domenica 31 maggio il disinnesco della bomba: saranno evacuate 1.200 persone

Tre le 9.30 fino alle 10.30 è disposta l'interruzione del traffico sull'autostrada del Brennero A22, tra le stazioni autostradali di Bolzano sud ed Ora-Egna. Restano chiuse anche la ferrovia e due strade comunali. Rimarrà invece aperta la strada statale del Brennero SS12

Pubblicato il - 30 maggio 2020 - 16:41

VADENA. Alle 9.30 di domenica 31 maggio, la sirena con il segnale di protezione civile di 1 minuto senza pause, darà il via alle operazioni di disinnesco della bomba rinvenuta in località Monte nel comune di Vadena. Si tratta di una bomba aerea di 2000 libbre di esplosivo, ovvero circa 900 chili. Essendo in buono stato di conservazione sarà disinnescata in loco.

 

Per consentire le operazioni di disinnesco, è disposta l'evacuazione dall'area rossa, in un raggio di 1.150 metri dal sito di rinvenimento, che interessa circa 1.200 cittadini del comune di Ora; saranno evacuati anche cittadini dei comuni di Vadena e Caldaro. Lo sgombero avverrà a partire dalle ore 8 ed entro le ore 9; dovranno essere allontanati anche gli animali. Entro le 9.15 si concluderà la fase di verifica dell'avvenuto sgombero da parte delle forze dell'ordine.

 

Nel rispetto delle norme di sicurezza anticontagio da Coronavirus adottate per gli edifici pubblici, saranno ospitate presso il polo scolastico delle scuole superiori a Ora. L'Agenzia provinciale Protezione Civile sarà di supporto al Comune di Ora per far rispettare le norme. I Comuni, secondo la competenza, provvederanno alla sistemazione separata delle persone positive al test e di quelle in quarantena domiciliare. Dalle ore 8 presso il deposito dei Vigili del fuoco volontari di Ora si insedierà la centrale operativa di coordinamento delle operazioni diretta dal Commissariato del Governo.

 

Le operazioni di disinnesco della bomba avverranno, a cura del 2° Reggimento Guastatori di Trento, sul sito di rinvenimento dell'ordigno a partire dalle ore 9.30 con il despolettamento dell'ordigno. L'avvio del disinnesco sarà notificato dal suono della sirena con il segnale di protezione civile di 1 minuto senza pause e la comunicazione via radio del messaggio di protezione civile. Queste operazioni dovrebbero terminare e presumibilmente verso le 10.30; la fine dell'intervento sarà segnalato dalla sirena settimanale di prova con suono costante di 15 secondi e comunicazione via radio del messaggio di protezione civile. La bomba sarà quindi autotrasportata a Salorno, dove presso l’area addestrativa della caserma Paolo Caccia Dominioni si svolgeranno le operazioni di svuotamento.

 

Tre le ore 9.00 e fino alle ore 10.30, e comunque fino a cessate esigenze, è disposta l'interruzione del traffico sull'autostrada del Brennero A22, tra le stazioni autostradali di Bolzano sud ed Ora-Egna. Restano chiuse anche la ferrovia e due strade comunali. Le interruzioni al traffico che interessano i treni e gli autobus del servizio publico sono reperibili sul portale di alto aldige mobilità e sono riportate nel documento allegato. Non si trova, invece, nella zona rossa la strada statale del Brennero SS12

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 25 novembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

25 novembre - 19:50

Sono 462 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 41 pazienti sono in terapia intensiva e 55 in alta intensità. Sono stati trovati 179 positivi a fronte dell'analisi di 3.403 tamponi​ molecolari per un rapporto contagi/tamponi al 5,3%

25 novembre - 19:33

Il Comune di Grigno vuole offrire la possibilità a tutti i 2200 abitanti di fare il tampone, ora si attente il via libera della Provincia. Il sindaco Voltolini: “Abbiamo già uno spazio e la disponibilità di medici e infermieri volontari, basta che ci mandino i test necessari. Lo screening di massa? Strumento fondamentale per la gestione della pandemia

25 novembre - 16:22

Fugatti valuta se riaprire le scuole dopo il 3 dicembre, ma avverte: “Se il Governo nel suo Dpcm prevede che non si possano aprire noi dobbiamo adeguarci anche se siamo una Provincia autonoma”. Ruscitti assicura che anche i test antigenici vengono tenuti in considerazione per mettere le classi in quarantena e che le scuole sono tenute informate delle positività

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato