Contenuto sponsorizzato

Volontari della Croce Bianca presi a pugni in ambulanza, in due finiscono al pronto soccorso

Ad aggredire i volontari della Croce Bianca di Bressanone è stato un paziente che stavano soccorrendo. L'uomo, un 60enne che si era sentito male dopo aver assunto troppo alcol, in ambulanza ha iniziato a prendere a pugni i soccorritori. Denunciato 

Pubblicato il - 03 gennaio 2020 - 08:13

BRESSANONE. Un inizio anno per nulla positivo quello vissuto dai soccorritori della Croce Bianca di Bressanone che si sono trovati in ambulanza con un uomo che ad un certo punto ha iniziato a prenderli a pugni. 

 

Un caso estremamente grave vissuto a Capodanno che i soccorritori hanno deciso di denunciare anche attraverso i social. Durante un intervento, intorno alle 1:30 del mattino, la squadra, composta da tre volontari, è stata violentemente attaccata e ferita da una persona.

 

Il caso è avvenuto durante il trasporto in ambulanza di un uomo di 60 anni che era stato soccorso perché ad una festa si era sentito male a causa dell'alcol. Dopo avergli fornito le prime cure sul posto, però, si è deciso di trasportarlo al pronto soccorso. In ambulanza erano presenti, oltre al 60enne, l'autista e due volontari

 

Ad un certo punto l'uomo che si trovava disteso, ha perso il controllo iniziando ad aggredire il personale. Una soccorritrice è stata leggermente ferita da un pugno in faccia, un altro soccorritore ha subito lesioni moderate al viso e alla mano. Il terzo membro della squadra è riuscito a mettersi in salvo lasciando rapidamente il veicolo.

 

La situazione, viene spiegato in una nota della Croce Bianca di Bressanone - è ritornata alla normalità solo quando le forze dell'ordine, immediatamente allertate, sono arrivate sul posto. Le autorità hanno registrato l'aggressione e hanno poi accompagnato i volontari al pronto soccorso di Bressanone. E' stata presentata una denuncia contro il paziente violento.


La Presidente della Croce Bianca, Barbara Siri ha deciso di richiamare l'attenzione sull'importanza di poter svolgere il lavoro di soccorso senza paura e senza rischi. “Dobbiamo opporci risolutamente all'emergere della violenza contro i soccorritori. Sosteniamo e proteggiamo tutti i volontari e i dipendenti che si impegnano ogni giorno ad aiutare il prossimo”. La Croce Bianca effettua ogni giorno circa 165 interventi di soccorso in Alto Adige, più della metà delle ore di lavoro sono svolte da volontari.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 27 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

28 gennaio - 05:01

In una conferenza stampa a senso unico, come al solito, dove è impossibile interloquire e quindi riuscire a capire davvero qualcosa i due vertici dell'Apss hanno provato a spiegare la situazione alla luce dei dati completi mostrati da il Dolomiti in questo grafico dell'Apss. Tra le motivazioni dei troppi decessi il fatto che la popolazione trentina è particolarmente anziana. In valore assoluto, però, l'Alto Adige lo è ancora di più (il 15,6% della popolazione rispetto al 14,1% del Trentino di over 65) quindi quei 350 decessi in più non si spiegano

27 gennaio - 20:46

Sono 236 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 35 pazienti sono in terapia intensiva e 43 in alta intensità. Oggi comunicati 2 decessi. Sono 20 i Comuni con almeno 1 nuova positività

27 gennaio - 21:02

Il deputato della Lega ha incassato l'interessamento dell'associazione Millions of friend in Romania a valutare la possibilità di ospitare un orso attualmente rinchiuso al Casteller. Maturi: "Ora bisognerà comprendere le eventuali incombenze burocratiche e perfezionare eventuali accordi, ma possiamo serenamente affermare che da oggi c'è un cambio di passo"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato