Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, aperti bar e ristoranti all'esterno: ''Primo passo, ma in tanti non hanno gli spazi e si rischiano incomprensioni con i clienti con i buoni pasto''

Il meteo per questa settimana dovrebbe tenere, Peterlana: "Il bel tempo è fondamentale". Resta consentita la possibilità di accogliere i clienti all'interno dei locali per i servizi di buoni pasto e quelli sostitutivi di mensa: "Discrepanza che rischia di metterci in difficoltà". Sui ristori: "Ci sono stati promessi e abbiamo fiducia"

Di Luca Andreazza - 19 April 2021 - 06:01

TRENTO. "Siamo contenti di poter ripartire ma questo è solo un primo passo". Questo il commento di Massimiliano Peterlana, presidente di Fiepet Confesercenti, che aggiunge: "Il comparto è ormai stremato, tante aziende sono in grave difficoltà e un ulteriore periodo di limitazioni mette molte attività a rischio di un definitivo tracollo".

 

Il governo è intervenuto negli scorsi giorni per accelerare in merito alle riaperture in questa fase dell'emergenza Covid. La data è quella del 26 aprile, giorno nel quale si dovrebbe ritornare a cenare, seppur all'aperto, anche nei ristoranti. Il Trentino ha giocato in anticipo, l'annuncio di piazza Dante è arrivato venerdì e l'attesa delibera è stata firmata domenica sera: via libera agli operatori fino alle 18 e sempre negli spazi esterni (Qui articolo).

 

Il meteo per questa settimana dovrebbe tenere: la previsione di MeteoTrentino è di lunedì e martedì soleggiato; mercoledì e giovedì soleggiato con alcuni rovesci pomeridiani; venerdì molto soleggiato. Ma in questo periodo dell'anno è chiaro che temperature gradevoli e bel tempo incidono oltremisura, soprattutto per i pranzi all'aperto.

 

"E' un fattore da tenere in considerazione e se le indicazioni sono quelle di prevedere queste regole fino a giugno può essere un grosso problema", prosegue il presidente di Fiepet Confesercenti, "Si rischia di perdere quei pochi clienti che decidono di andare in ristoranti e bar. La situazione ormai è drammatica e speriamo che ci possano essere decisioni più veloci per consentire di utilizzare anche gli spazi interni delle attività. Auspichiamo che ci si possa avvicinare ulteriormente alla normalità già a maggio".

 

 

L'apertura negli spazi esterni non cambia le regole attualmente in vigore per la ristorazione, ma si aggiunge alle disposizioni già deliberate. Resta consentita la possibilità di accogliere i clienti all'interno dei locali per i servizi di buoni pasto e quelli sostitutivi di mensa. "Questa - evidenzia Peterlana - è una discordanza che rischia di creare confusione e difficoltà. Sarà complicato giustificare la presenza di persone sedute all'interno e tenere invece all'aperto altri clienti. Un aspetto non banale che potrebbe creare qualche situazione spiacevole e che dobbiamo essere bravi a gestire".

 

E se Trento e Rovereto, così come i centri più grandi, possono tornare un po' a respirare, la situazione resta più difficile per le aree più a vocazione turistica in quanto gli spostamenti sono ancora bloccati, senza dimenticare che anche quelli provinciali non sono ancora pienamente agevoli. "Questo è naturalmente un problema - dice il numero uno degli esercenti - che richiede grande attenzione. Fino a quando la mobilità è ferma, alcune realtà continueranno a soffrire di più. A questo si può aggiungere che non tutti gli esercizi dispongono di spazi all'aperto adeguati, quindi la delibera provinciale e la decisione del governo possono essere giocoforza solo parziali".

 

Il comparto ha sofferto moltissimo nel 2020 con un lockdown primaverile, questo inizio di 2021 è andato anche peggio con il Trentino inserito prima in zona arancione e poi in quella rossa con ulteriori strette sulle attività economiche. Non sono mancate in questi mesi manifestazioni e prese di posizione. Gli operatori hanno cercato di fare quello che hanno potuto con gli orari ridotti, il servizio di asporto e consegna a domicilio. Adesso si può tornare a far sedere i clienti all'aperto, anche se ci sono diversi paletti. 

 

dati di Confesercenti evidenziano una perdita devastante di imprese e di posti di lavoro. Nel 2020 hanno perso la propria occupazione 204 mila autonomi tra imprenditori (-80 mila), professionisti (-50 mila) e loro addetti (-74 mila). Una partita è quella dei ristori. "Questi primi 4 mesi sono andati praticamente persi. La Provincia ci ha promesso interventi puntuali e ben strutturati per far fronte a queste difficoltà, sono in fase di calcolo dei sostegni. C'è qualche ritardo, anche a livello nazionale, ma siamo fiduciosi che questi aiuti arriveranno, c'è stato garantito", conclude Peterlana.  

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione del 21 maggio 2022
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
22 maggio - 09:24
Sono tantissimi i messaggi di cordoglio per Liviana Ierta Melchiori trovata senza vita ieri pomeriggio al lago di [...]
Cronaca
22 maggio - 08:30
Il giovane in condizioni ancora molto gravi con ustioni di secondo e terzo grado si trova al centro grandi ustionati di Murnau in Baviera. Un altro [...]
Cronaca
22 maggio - 06:01
Oltre 100 dipendenti dell'Azienda sanitaria tra tecnici, infermieri e medici assieme a 400 volontari che hanno gestito le postazioni di soccorso [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato