Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, Biden ha deciso di mandare 2,5 milioni di vaccini AstraZeneca al Messico in cambio dello stop ai migranti

Il neo presidente degli Stati Uniti si trova a dover gestire un flusso migratorio straordinario proveniente per la maggior parte da paesi dell’America Centrale. Biden avrebbe quindi acconsentito ad inviare 2.5 milioni di dosi di vaccini AstraZeneca ai vicini messicani, che a loro volta sarebbero disposti ad “aiutare gli Stati Uniti a contenere l’impennata negli arrivi di migranti al confine meridionale”

Foto da internet
Foto da internet
Di Filippo Schwachtje - 19 marzo 2021 - 17:21

TRENTO. La diplomazia dei vaccini oltreoceano: Biden pronto a spedire milioni di dosi AstraZeneca in Messico per frenare l'arrivo di migranti al confine meridionale degli Stati Uniti.

 

Le politiche migratorie portate avanti dall'amministrazione Trump, tra cui la cosiddetta “family separation policy” – grazie alla quale le autorità federali potevano separare genitori e figli, arrestando o deportando i primi e ponendo i secondi sotto la supervisione del Dipartimento della salute – sono state duramente attaccate dai democratici, che ne hanno denunciato la “crudeltà e l’illegalità”. Tra le critiche più aspre mosse dai liberals quella di detenere le famiglie di migranti – sia adulti che minori – in condizioni pessime, con standard igienici bassissimi e frequenti situazioni di sovraffollamento.

 

Ora però Biden, che ha deciso di permettere l'ingresso nel territorio americano ai minori non accompagnati, si trova a dover gestire un flusso migratorio straordinario proveniente per la maggior parte da paesi dell’America Centrale. Un problema aggravato, ovviamente, dalla pandemia, che costringe l'amministrazione americana, come riporta il New York Times “a sistemare centinaia di minori in quarantena preventiva in diverse località in tutto il paese” destando le preoccupazioni di molti, che vedrebbero nella gestione dell'emergenza da parte di Biden un ritorno alle pratiche già adottate due anni fa dall'amministrazione Trump.

 

Secondo quanto riportato ieri dalla stampa americana, Biden avrebbe quindi acconsentito ad inviare 2.5 milioni di dosi di vaccini AstraZeneca (gli Stati Uniti ne possiedono circa 50 milioni, ma non avendone ancora approvato l'utilizzo le fiale al momento rimangono ancora bloccate) ai vicini messicani, che a loro volta sarebbero disposti ad “aiutare gli Stati Uniti a contenere l’impennata negli arrivi di migranti al confine meridionale”. Un do ut des non formalizzato ma che in pratica vede Biden – almeno nel giardino di casa – affidarsi alla diplomazia dei vaccini per sistemare una crisi che tocca temi molto vicini all'elettorato democratico, e che rischia quindi di costargli caro in termini di consenso. 

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione del 30 novembre 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
30 novembre - 20:00
Trovati 199 positivi, 1 decesso nelle ultime 24 ore. Registrate 104 guarigioni. Sono 52 i pazienti in ospedale. Sono 840.024 le dosi [...]
Cronaca
30 novembre - 19:39
Il successo dell'opera realizzata dallo scultore veneto a Lavarone è enorme ma dal 2018, quando la tempesta si è abbattuta su Veneto e Trentino [...]
Politica
30 novembre - 21:00
I contratti del pubblico impiego sono bloccati e se i consiglieri regionali sono reduci dall'adeguamento dell'indennità, adesso sembra arrivato il [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato