Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, per l’Europa Trentino e Alto Adige restano in zona “rosso scuro”: l’incidenza superiore alla media degli altri territori

Tutti gli indicatori europei prospettano una situazione epidemiologica preoccupante per il Trentino che a differenza di Alto Adige e Umbria effettua meno tamponi ogni 100.000 abitanti. Il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (Ecdc) ha confermato il posizionamento della Provincia autonoma in zona “rosso scuro”

Di Tiziano Grottolo - 18 February 2021 - 13:56

TRENTO. Nonostante le lamentele arrivate dal Trentino il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (Ecdc) ha confermato il posizionamento della Provincia autonoma in zona “rosso scuro”, assieme ad Alto Adige e Umbria.

 

Colpa dell’incidenza che rimane ancora troppo alta, per essere più precisi secondo il centro di ricerca europeo il Trentino si inserisce nella fascia che va da 480 a 959.9. L’Alto Adige invece continua ad avere un’incidenza superiore a 960.

 


 

Non va dimenticato che anche se le due classificazioni si muovono su parametri molto diversi, la scorsa settimana, l’inserimento del Trentino in zona “rosso scuro” da parte dell’istituto europeo è coinciso con la zona arancione sancita da un’ordinanza del Ministero della Salute Roberto Speranza.

 

Tutti gli indicatori europei prospettano una situazione epidemiologica preoccupante per il Trentino che a differenza di Alto Adige e Umbria non riesce a mantenere un elevato numero di tamponi effettuati. Questo quanto emerge dal report dell’Ecdc. Andando ad analizzare il numero di tamponi effettuati ogni 100.000 abitanti Trento ne effettua tra i 2.500 e i 4.999 mentre Alto Adige e Umbria superano i 5.000 tamponi ogni 100.000 abitanti.

 


 

Anche il tasso di positività si mantiene sopra il 4% secondo l’Ecdc. Stando ai dati nazionali diffusi dalla protezione civile, il Trentino con appena 315 tamponi effettuati ogni 100.000 abitanti (nell’ultima settimana) registra una percentuale di tamponi positivi del 64,97%. Il dato di gran lunga peggiore d’Italia che dovrebbe far suonare qualche campanello d’allarme dalle parti di Piazza Dante.

 

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione del 27 novembre 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
29 novembre - 13:35
Con una mail indirizzata “a tutto il personale provinciale (compresi direttori e dirigenti)” la Provincia cerca 120 volontari per seguire le [...]
Società
29 novembre - 14:01
Dopo la recentissima nomina a Sparkling Wine Producer of the Year 2021 da parte di The Champagne&Sparkling Wine World Championships, Ferrari [...]
Cronaca
29 novembre - 13:03
Non è ancora stata precisata la causa del decesso, se sia collegato a un incidente oppure a un malore. I soccorsi sull'Etna sono stati ostacoli e [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato