Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, poche sanzioni nel primo weekend di consumazioni all'aperto. Ianeselli: "Aperture graduali ma irreversibili"

Quello appena trascorso è stato il primo fine settimana, dopo molti mesi, con i bar e locali aperti all'esterno. Tanti i controlli, ma poche le sanzioni. Il sindaco: “Che questa sia un’apertura graduale da cui non tornare indietro”

Di Francesca Faccini - 26 aprile 2021 - 16:28

TRENTO. Quello appena concluso è stato il primo fine settimana dopo mesi in cui i bar e i locali hanno potuto accogliere i clienti nei tavoli esterni. Complice il bel tempo, le vie di Trento si sono animate di persone che hanno rispettato le norme indicate e hanno mantenuto comportamenti idonei alla situazione. Tra venerdì, sabato e domenica i maggiori parchi della città (Melta, Gocciadoro, Muse) sono stati meta di un notevole numero di persone, così come piazza D’Arogno, via Calepina, via Santa Maria Maddalena.

 

Il desiderio di tornare a condurre una vita sociale e la voglia di riversarsi nelle strade si sono facilmente adattate al delicato momento che si sta attraversando, come dimostra il fatto che i diversi controlli effettuati nei pressi dei locali pubblici non siano stati accompagnati da sanzioni ai danni degli esercizi e abbiano rivelato pochissime violazioni per inutilizzo della mascherina protettiva.

 

Quella a cui si è assistito in questi giorni è l’inizio della riapertura della città che si spera essere definitivo seppur graduale. Il sindaco Ianeselli insiste sulla necessità di accompagnare Trento a una riapertura scongiurando eventuali passi indietro. Dopo settimane di rimbalzo tra zona rossa e zona arancione, il Trentino, così come la maggior parte delle regioni italiane, è diventato giallo, un traguardo, quest’ultimo, da cercare di mantenere. Quello che il Comune intende fare è un percorso di aperture graduali verso un’estate di eventi in presenza a fronte di dati rassicuranti in termini di contagi e ricoveri.

 

Sebbene il 26 aprile non possa essere considerata la data che segna il “liberi tutti”, se le condizioni sanitarie lo permetteranno, le settimane a venire potrebbero essere caratterizzate da un “ritorno alla vita” della città.

 

Da oggi, lunedì 26 aprile, bar e ristoranti possono restare aperti fino alle 22 purché all’aperto. Attualmente il coprifuoco scatta a partire dalle 22, una coincidenza di orario che non è stata affrontata nel decreto. La compatibilità del coprifuoco alle 22 con la riapertura degli esercizi ristorativi fino alle 22 è lasciata al buon senso delle persone.

 

Uno scenario che si può immaginare prevede che si scoraggeranno le ordinazioni avvenute in prossimità dell’“ora x” e vuole agenti e vigili flessibili rispetto alle tempistiche necessarie per il rientro nella propria abitazione.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 23 settembre 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
23 settembre - 23:11
L'uomo è stato trovato ormai senza vita dai soccorritori dopo l'allarme lanciato dai familiari per un mancato rientro a casa. L'incidente è [...]
Cronaca
23 settembre - 19:36
Trovati 36 positivi, 0 decessi nelle ultime 24 ore. Registrate 18 guarigioni. Sono 21 i pazienti in ospedale, di cui [...]
Cronaca
23 settembre - 19:02
Un minuto dopo il decollo da Folgaria si è verificato un guasto meccanico che ha determinato il distacco del portellone laterale destro. Il [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato