Contenuto sponsorizzato

Crisi umanitaria in Bosnia, Arci del Trentino organizza una raccolta di beni di prima necessità

Tremila migranti dispersi sul territorio bosniaco, condizioni sanitarie deplorevoli e nessuna risposta da parte delle autorità locali. Questa la situazione in Bosnia dopo l'incendio che ha distrutto il campo profughi di Lipa il 24 dicembre. Parte la raccolta di beni di prima necessità da parte di Arci del Trentino per sostenere i migranti (AGGIORNAMENTO).

Di M.Sartori - 20 January 2021 - 18:00

TRENTO. Continua a precipitare la situazione in Bosnia. Il 24 dicembre 2020 il campo profughi di Lipa, a 20 chilometri da Bihać ha preso fuoco, obbligando migliaia di persone a disperdersi sul territorio in cerca di un riparo (Qui articolo). 

 

Si tratta di circa tremila migranti provenienti da Afghanistan, Pakistan e Bangladesh e diretti verso i Paesi dell’Unione Europea, che da più di un mese lottano per la propria sopravvivenza nell’inverno bosniaco. Le tende montate finora non bastano ad accogliere tutti e quindi la maggior parte delle persone si trova al freddo e senza alloggio.

 

Con l’arrivo della neve la situazione è peggiorata ulteriormente: la temperatura di notte scende fino a -20°C, costringendo i migranti a ripararsi in qualsiasi tipo di rifugio improvvisato. Come se non bastasse le condizioni igieniche dei campi sono deplorevoli e non rispettano gli standard umanitari minimi, causando il diffondersi di malattie tra i rifugiati.

 

Ancora non sono arrivate risposte dalle autorità, che apparentemente non sanno come fare a gestire l’emergenza.

 

Arci del Trentino ha deciso di dare una mano (QUI AGGIORNAMENTO), organizzando una raccolta di beni di prima necessità da spedire in Bosnia per affrontare questa vera e propria crisi umanitaria a un passo dai confini europei.

 

Sarà possibile donare fino al 26 gennaio presso la sede di Arci del Trentino Aps in viale degli Olmi 24 a Trento. Si cercano:

 

MEDICINALI: in confezioni integre e non scaduti, kit di pronto soccorso, antidolorifici, garze, mascherine, disinfettanti e crema antiscabbia.

 

CIBO: Farina, olio, riso, legumi, succhi di frutta, latte a lunga conservazione, zucchero, cibi in scatola.

 

Il punto di raccolta sarà aperto nei seguenti orari:

  • dal lunedì al mercoledì: 9-12 / 14-17
  • giovedì e venerdì: 9-12 / 14-19
  • sabato e domenica: 14-19
Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 6 marzo 2021
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

08 March - 15:03

Il sindaco di Pergine-Valsuagana contro chi non rispetta le regole anti-Covid: “Domenica ho ricevuto decine di chiamate, messaggi e video di cittadini per segnalare assembramenti di persone, molte senza mascherina, che dimostrano solo la mancanza di responsabilità nei confronti innanzitutto dei propri familiari anziani”

08 March - 15:10

Il giovane, alla presenza dei suoi avvocati, ha ammesso le sue responsabilità in merito al decesso dei genitori Peter Neumair e Laura Perselli.  La vicenda è iniziata il 4 gennaio scorso 

08 March - 13:59

A limitare la possibilità di autodeterminarsi e il concetto stesso di libertà, esistono anche realtà come le associazioni pro life e contesti universitari come il Campus bio-medico di Roma, un policlinico privato e cattolico ma accreditato con il Servizio sanitario nazionale. Negli scorsi mesi, per esempio, le strade di Trento sono state percorse da camion vela che promuovevano la nuova campagna di Pro Vita & Famiglia e alcuni muri della città accolgono ancora manifesti antiabortisti

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato