Contenuto sponsorizzato

Dramma ad Arco, trova il marito senza vita e il suo cuore non regge al dolore. Silvia e Giuseppe sono morti a poche ore di distanza l'uno dall'altro

I corpi dei due anziani sono stati trovati senza vita ieri nelle prime ore del pomeriggio. Un vicino di casa ha avvisato la polizia locale, si tratta di morte naturale 

Pubblicato il - 14 gennaio 2021 - 08:47

ARCO. Assieme da oltre ventitré anni, Silvia Antonia Bratti e Giuseppe Caproni sono morti assieme a distanza di poco tempo, poche ore di distanza.

 

E' il dramma che è stato scoperto nelle prime ore di ieri pomeriggio. Un vicino di casa, un ispettore della polizia locale, conoscendo le abitudini della coppia, si è accorto di qualcosa di strano. Le luci dell'abitazione erano ancora accese come la sera prima.

 

Sono stati quindi avvisati gli agenti della polizia locale e una volante arrivata sul posto ha trovato la porta aperta dell'abitazione e all'interno i corpi senza vita dei due coniugi.

 

Nessun segno di violenza o altro e secondo i rilievi fatti, il duplice decesso è avvenuto per cause naturali.

 

Secondo una prima ipotesi Giuseppe Caproni, 86 anni, sarebbe stato colpito da un malore fatale mentre si trovava in bagno. La moglie lo avrebbe trovato senza vita. Il cuore della donna, però, non avrebbe retto al dolore di aver perso il compagno e sarebbe morta dopo poco in cucina.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 22 dicembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

15 gennaio - 19:18

Nella conferenza stampa straordinaria organizzata dalla giunta provinciale di Bolzano, Arno Kompatscher si è detto sconcertato dalla scelta del Cts di trasformare l'Alto Adige in zona rossa. "Abbiamo inviato una lettera a Roma. Sulla base dei dati confermiamo con l'ordinanza di stasera la zona gialla"

15 gennaio - 19:30

Sono tantissime le prese di posizione (di partiti e istituzioni) in favore della testata ma colpiscono, in particolare, le dichiarazioni di Fugatti (che si dice ''sorpreso''), dei sindacati (che ancora parlano di ''investimento'' riferendosi all'operazione predatoria compiuta sull'editoria locale da parte di Athesia) e dell'Ordine dei Giornalisti (che esprime la sua ''solidarietà''). Ora si pensi ai giornalisti ma non si dimentichino i collaboratori esterni e i fotografi che da una vita lavorano per poche decine di euro al giorno mettendoci tutto quel che hanno

15 gennaio - 18:35

Il direttore sanitario dell'Apss, Antonio Ferro spiega: "Preoccupa il livello di occupazione dei posti letto negli ospedali". Il presidente della Provincia chiede ancora "senso di responsabilità" ai trentini 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato