Contenuto sponsorizzato

FOTO. Bomba a Bolzano, completate con successo le operazioni di disinnesco. Evacuate oltre 4600 persone

Si tratta del terzo disinnesco consecutivo nel centro cittadino di Bolzano. Durante le operazioni di disinnesco numerosi cittadini hanno lasciato la propria abitazione per attendere in luoghi sicuri. Ad intervenire i vigili del fuoco, i volontari della Croce Bianca e Rossa oltre agli artificieri del 2° Reggimento Guastatori di Trento

Pubblicato il - 17 January 2021 - 11:24

BOLZANO. E' stato completato con successo il disinnesco dell'ordigno bellico avvenuto questa mattina a Bolzano.

 

Sono stati gli artificieri del 2° Reggimento Guastatori di Trento a condurre e a portare a termine le operazioni di disinnesco della bomba.


Ben 4.670 abitanti sono stati evacuati dalle abitazioni nella zona rossa in un raggio di 500 metri dal sito di rinvenimento per consentire le operazioni in sicurezza. Pronti al supporto anche i vigili del fuoco volontari di Bolzano e il corpo permanente.


L’ordigno, rinvenuto il 23 dicembre 2020 nel cantiere per la realizzazione del Waltherpark, è una bomba aerea Usa del tipo AN-M64A1 di circa 500 libbre risalente alla Seconda Guerra mondiale deflagrata in modo parziale, come indicato dagli esperti artificieri del Genio militare.


Si tratta del terzo disinnesco consecutivo nel centro cittadino di Bolzano nel giro di pochi mesi. La spoletta è stata estratta e resa innocua in loco, mentre l’ordigno è stato ora trasportato a Roveré della Luna nell’area addestrativa della caserma Caccia Dominioni, dove sarà neutralizzata.

 

Per garantire sicurezza durante il disinnesco, come già detto, all'alba di questa mattina è stata istituita una zona rossa dalla quale sono stati evacuati i cittadini. Sono stati portati al sicuro, grazie anche alla Croce Bianca e Croce Rossa, numerosi anziani.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 6 marzo 2021
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

08 March - 15:10

Il giovane, alla presenza dei suoi avvocati, ha ammesso le sue responsabilità in merito al decesso dei genitori Peter Neumair e Laura Perselli.  La vicenda è iniziata il 4 gennaio scorso 

08 March - 13:59

A limitare la possibilità di autodeterminarsi e il concetto stesso di libertà, esistono anche realtà come le associazioni pro life e contesti universitari come il Campus bio-medico di Roma, un policlinico privato e cattolico ma accreditato con il Servizio sanitario nazionale. Negli scorsi mesi, per esempio, le strade di Trento sono state percorse da camion vela che promuovevano la nuova campagna di Pro Vita & Famiglia e alcuni muri della città accolgono ancora manifesti antiabortisti

08 March - 12:27

L'analisi successiva dei fatti da parte delle forze dell'ordine ha lasciato emergere la brutale ipotesi, che tutto ciò sia stato determinato da un respingimento

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato