Contenuto sponsorizzato

Il branco rapina tre minorenni per rubare I-Phone e vestiti di marca: una delle vittime in ospedale con 25 giorni di prognosi

Prima il branco accerchiava le vittime poi, per chi opponeva resistenza, c’erano calci e pugni, così un gruppo di giovanissimi assaliva i coetanei per strada. In un’occasione è spuntato anche un coltello e un minorenne è finito in ospedale con una prognosi di 25 giorni

Di T.G. - 17 febbraio 2021 - 17:26

VERONA. Due rapine in rapida successione che in un primo momento avevano fatto pensare a episodi isolati ma grazie alle indagini dei carabinieri si è scoperto che a compierle era stato lo stesso gruppo di giovanissimi.

 

Il primo episodio si è verificato nelle vicinanze di piazza Bra, in centro a Verona, dove un gruppetto di minorenni hanno avvicinato un coetaneo con una banale scusa e dopo averlo circondato lo hanno colpito al volto tentando di rubargli il borsello e l’I-Phone. Fortunatamente la giovane vittima è riuscita a scappare senza subire ulteriori conseguenze e senza che i rapinatori riuscissero nel loro intento.

 

Visto che il primo colpo era andato male il gruppo si è spostato in zona Arco dei Gavi dove sono stati individuati altri due giovanissimi, uno dei quali stava conducendo a mano la sua bicicletta e con le stesse modalità usate poco primo lo hanno fermato. Dopo averlo minacciato con un coltello gli hanno chiesto la bicicletta e la giacca di marca che indossava.

 

La vittima però ha reagito e a quel punto è scattata la violenza. I giovani rapinatori hanno colpito il coetaneo con calci e pugni, sferrandogli anche un colpo al volto che ha provocato allo stesso ben 25 giorni di prognosi per la rottura del setto nasale. Non contenti hanno colpito con un pugno allo stomaco anche il secondo giovane, che aveva assistito alla rapina. Dopo aver sottratto la giacca anche a quest’ultimo il branco è fuggito per le vie del centro facendo perdere le tracce.

 

Considerando la gravità degli episodi i carabinieri si sono messi subito sulle tracce dei rapinatori riuscendo a identificare gli autori. Grazie alle testimonianze è stato possibile scoprire che in realtà le rapine erano state commesse solo da alcuni membri del gruppo di giovanissimi. Così due minorenni, residenti in Provincia di Verona, sono stati associati a due diverse comunità per minori del Veneto dove avranno l’obbligo di rimanere e rispettare le regole altrimenti per loro si potrebbero aprire le porte del carcere minorile. I militari fanno sapere che sono in corso ulteriori accertamenti per verificare se i due giovani siano responsabili di ulteriori reati.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione del 6 dicembre 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Politica
07 dicembre - 11:54
Incontro via remoto tra i tre governatori dell'Euregio. Dalla disamina di Fugatti è emerso che la maratona vaccinale sta andando abbastanza bene [...]
Cronaca
07 dicembre - 11:53
Difficile la situazione negli ospedali del territorio con 99 i ricoveri in area medica, poi 18 quelli [...]
Politica
07 dicembre - 09:43
Fra le nuove restrizioni che potrebbero essere introdotte c’è anche quella di escludere i tamponi fra le soluzioni per ottenere un Green pass. [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato