Contenuto sponsorizzato

Il rifugio ''Valbona'' è in Veneto e Mattia, Nadine e i loro quattro Husky restano isolati dalla neve. L'appello al Trentino: ''Aiutateci voi''

Una questione che prosegue da ormai diversi anni. Mentre la Provincia di Trento è riuscita a portare avanti l'apertura della strada fino al confine con il Veneto, arrivando a circa 3 chilometri dal rifugio, dall'altro la Provincia di Vicenza, non ha provveduto a fare l'intervento per i chilometri di sua competenza

Di G.Fin - 25 gennaio 2021 - 13:34

ARSIERO. La neve caduta nei giorni scorsi sta ancora oggi creando non pochi problemi. Lo sanno Mattia Baldo e Nadine Pajusco, assieme ai loro quattro cani, gestori del rifugio Valbona - bar trattoria al Curvone, a Laste di Arsiero. La struttura si trova a 1.720 metri di quota e, come testimoniano le foto pubblicate sui social, è letteralmente sommersa dalla neve.

La vicenda sta facendo discutere in Veneto. La struttura si trova nel vicentino però a poca distanza da Folgaria. Mentre la Provincia di Trento è riuscita a portare avanti l'apertura della strada fino al confine con il Veneto, arrivando a circa 3 chilometri dal rifugio, dall'altro la Provincia di Vicenza, invece, non ha provveduto a fare l'intervento per i chilometri di sua competenza. Per arrivare fino a quel punto, infatti, un tratto di strada è a rischio frane e il Veneto (anche in passato) ha deciso quindi di non proseguire con la pulizia della viabilità. 

Da qui la decisione del rifugio di chiedere aiuto al Trentino. "Basterebbe - ci ha spiegato il titolare del rifugio Mattia Baldo - che la concessione della strada provinciale 92 passasse al Trentino". Un accordo, quest'ultimo, che fino ad oggi non è arrivato ma che permetterebbe, sempre secondo Baldo "una migliore manutenzione della strada".   

 

In questo momento, comunque, il rifugio è pressoché isolato. Con diverse ore di lavoro si è riusciti a creare un piccolo passaggio ma la strada rimane difficilmente praticabile. Il gestore riesce a spostarsi con fatica con una motoslitta prestata in alcune occasioni dagli amici. Per il resto tutto rimane molto precario. Per l'acqua viene sciolta la neve e la corrente c'è quando funzionano i pannelli solari e il gruppo elettrogeno.

 

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 17 settembre 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
18 settembre - 20:17
Restano basse le percentuali di residenti positivi nei comuni trentini fortunatamente molto lontane dalle soglie ritenute critiche. Ecco i dati dei [...]
Cronaca
18 settembre - 18:24
Ennesima manifestazione dei no-vax, no-pass, no-mask per le strade del capoluogo. I cori sono sempre gli stessi e anche gli interventi e molte [...]
Politica
18 settembre - 19:39
Nel 2017 Fugatti, riferendosi alla cannabis terapeutica, parlava del “fondamentale diritto dei pazienti di trovare all’interno del sistema [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato