Contenuto sponsorizzato

Malore bimbo al lago di Levico: ''Il defibrillatore non è obbligatorio ma non transigiamo sulla sicurezza'', i bagnini del Buena Onda intervenuti in pochi secondi

Sono stati momenti molto concitati e davvero tesi a Levico per il malore accusato da un bimbo di 10 anni. In Valsugana si può parlare di tragedia sfiorata per il tempestivo e professionale intervento degli assistenti bagnanti del Buena Onda che hanno fornito le prime provvidenziali manovre salvavita

Di Luca Andreazza - 28 July 2021 - 20:55

TRENTO. "Ci siamo precipitati: abbiamo eseguito il massaggio cardiaco e abbiamo usato il defibrillatore per rianimare il piccolo. Poi l'abbiamo affidato all'equipe medica per le ultime stabilizzazioni prima del trasporto in ospedale". A parlare è Daniele Antoniolli, gestore del servizio di sicurezza dei bagnanti al lido di Levico Terme. Il 25enne è intervenuto con il collega Tiziano Taglianozzi."Abbiamo fatto il nostro lavoro e il nostro dovere, adesso speriamo che il bambino possa superare questo momento e riprendersi da questo evento nel migliore dei modi".

 

Sono stati momenti molto concitati e davvero tesi a Levico per il malore accusato da un bimbo di 10 anni. Il piccolo resta grave ma è stabile, trasferito alla regione di residenza. Ma in Valsugana si può parlare di tragedia sfiorata per il tempestivo e professionale intervento degli assistenti bagnanti del Buena Onda che hanno fornito le prime provvidenziali manovre salvavita.

 

L'allerta è scattata intorno alle 13.30 di oggi, mercoledì 28 luglio, alla spiaggia del Lido di Levico (Qui articolo). "Il bambino - dice Antoniolli - stava giocando pochi metri dentro il lago, poi si è improvvisamente accasciato nell'uscita dall'acqua, vicino al bagnasciuga. Una signora l'ha messo in posizione e noi siamo accorsi dalle nostre postazioni in pochissimi secondi".

 

La preparazione, la professionalità e la velocità sono fondamentali durante i soccorsi, un intervento probabilmente determinante. Inoltre gli assistenti sono intervenuti con il defibrillatore, dispositivo che non sarebbe obbligatorio nelle dotazioni della struttura. 

 

"E' vero - evidenzia Antoniolli - questa dotazione non sarebbe obbligatoria ma l'investimento in sicurezza è troppo importante, non possiamo transigere in questo senso. E' fondamentale farsi trovare sempre pronti per ogni evenienza. La macchina dei soccorsi è sempre tempestiva: elicottero e ambulanza sono arrivati veramente in pochi minuti, ma ogni secondo può essere davvero decisivo in queste situazioni".

 

Il bimbo di 10 anni è stato stabilizzato e poi è stato trasportato all'ospedale Santa Chiara di Trento per gli accertamenti e gli approfondimenti del caso. "Speriamo che il piccolo che ha accusato questo drammatico malore sulla riva si possa riprendere: ringrazio gli addetti del Buena Onda per la celerità e la professionalità dell'intervento, così come i vigili del fuoco e il personale sanitario. La macchina dei soccorsi è stata davvero tempestiva e questa è sempre una rassicurazione importante", il commento di Gianni Beretta, sindaco di Levico Terme.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 27 settembre 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
28 settembre - 06:01
Il rifugio Filzi sul Finonchio ha chiuso la scorsa settimana la stagione estiva ed ora proseguirà, tempo permettendo, le aperture nei weekend. I [...]
Cronaca
28 settembre - 08:14
Misure meno stringenti sia per il mondo della cultura che in quello dello sport. Fondamentale rimane avere il Green pass e massima attenzione anche [...]
Cronaca
28 settembre - 08:28
L'epicentro è nella provincia di Treviso e il sisma è stato avvertito anche nei territori vicini. Le prime due scosse sono state avvertiti [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato