Contenuto sponsorizzato

Trovato senza vita il corpo di Etienne Bernard. E' stato travolto da una valanga. Per le ricerche in campo le unità cinofile (I VIDEO)

La giovane guida alpina era dispersa da ieri pomeriggio sul Pordoi. A dare l'allarme la compagna e un amico che avevano trovato la macchina parcheggiata. Difficili le operazioni di ricerca del corpo per la neve e il forte vento in quota

Pubblicato il - 14 January 2021 - 16:18

TRENTO. È stato trovato poco prima delle 14 il corpo senza vita di Etienne Bernard la guida alpina 27enne dispersa da ieri pomeriggio sul Pordoi. È stato trovato sotto ad una valanga in fondo al canale Torre Roma, lungo il versante verso Arabba, al confine tra Trentino e Veneto.

 

Il 27enne di Campitello di Fassa era un giovane scialpinista molto amato e stimato e la notizia della sua scomparsa ha da subito gettato nello sconforto tutta la valle. L'allarme per il mancato rientro al Numero Unico per le Emergenze 112 era stato lanciato verso le 17.15 di ieri dalla compagna dell giovane e da un amico quando, preoccupati per il mancato rientro, erano saliti al passo Pordoi e avevano trovato la macchina parcheggiata.

 

Le ultime notizie che si avevano di lui risalivano alle 12 e lo davano a forcella Pordoi e, dalle indicazioni lasciate ai conoscenti, sembra che il ragazzo volesse affrontare il canale Torre Roma. Le ricerche si sono rivelate da subito difficoltose per il buio ma, soprattutto, per la presenza di un forte vento in quota che raggiungeva i 90 km orari.

 

 

 

Nonostante la persistenza del vento e il cielo coperto, il tempo in leggero miglioramento ha permesso di effettuare un sorvolo per fare una prima bonifica dall'alto della valanga, a vista e tramite l'Artva dell'elicottero di Trentino Emergenze. La valanga è stata individuata questa notte nella zona del canale Torre Roma dai soccorritori della Stazione Alta Fassa del Soccorso Alpino Trentino e della Stazione di Livinallongo del Soccorso Alpino Veneto, saliti in quota per una ricognizione. Oggi, a bordo dell'elicottero durante il sorvolo c'erano il Tecnico di Elisoccorso del Soccorso Alpino e Speleologico e un operatore della Stazione Alta Fassa. 

 

 

 

Dopo l'esito negativo del sorvolo, l'elicottero è rientrato al passo Pordoi per imbarcare in diverse rotazioni due unità cinofile - una del Soccorso Alpino e Speleologico Trentino e una del Centro Addestramento Polizia di Stato di Moena - e sei operatori della Stazione Alta Fassa e Centro Fassa. I soccorritori hanno effettuato la bonifica con i cani, con l'Artva, le sonde e con il dispositivo Recco. Intorno alle 14 il ritrovamento del corpo senza vita dello scialpinista.

 

Sul posto è giunto l'elicottero del Suem di Pieve di Cadore con l'equipe medica che ha constatato il decesso del ragazzo. Dopo il nullaosta delle autorità, la salma è stata trasferita alla camera mortuaria di Canazei. Preziosa la collaborazione con il Soccorso Alpino Veneto, con operatori pronti a passo Pordoi per dare supporto in caso di necessità anche nella giornata di oggi, con le Forze dell'ordine e con i Vigili del Fuoco.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 17 settembre 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
20 settembre - 06:01
I tagli degli scorsi anni al sistema sanitario sono stati un fallimento con conseguenze drammatiche ed ora questa situazione va a sommarsi alle [...]
Cronaca
19 settembre - 19:38
Trovati 19 positivi, nessun decesso nelle ultime 24 ore. Registrate 17 guarigioni. Sono 16 i pazienti in ospedale, di cui 2 ricoverati in [...]
Montagna
19 settembre - 20:25
I dati tra il 19 giugno e il 16 settembre non sono ancora ufficializzati perché si attende la conclusione della stagione, molti rifugi sono [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato