Contenuto sponsorizzato

Tumore al seno, ottobre 'mese rosa' per la prevenzione: gli esperti in reparto rispondono alle preoccupazioni delle donne

Ottobre 'mese rosa' vede tornare in primo piano il tema della prevenzione dei tumori della mammella: il reparto di senologia clinica e screening mammografico dell'Apss come ogni anno risponde all'appello fornendo il proprio contributo

Pubblicato il - 02 October 2021 - 10:28

TRENTO. “Quando cominciare i controlli? Con quale periodicità? Che differenza c'è tra un'ecografia e una mammografia?”. Questo sono solo alcune delle domande che le donne si pongono quando si parla di prevenzione al tumore al seno: per il 'mese rosa' di ottobre il reparto di senologia clinica e screening mammografico dell'Apss fornisce il suo contributo, supportando ogni martedì dalle 14 alle 17 le donne trentine nella scelta del percorso diagnostico migliore per le loro fasce d'età.

 

Quanti anni ho? Che controlli strumentali posso fare? Il radiologo risponde” è il titolo dell'iniziativa proposta quest'anno, all'interno della quale i radiologi del rapporto risponderanno al telefono (0461 902376/2260) alle domande delle donne che desiderano conoscere in maniera più approfondita gli strumenti a disposizione per la prevenzione del tumore al seno.

 

Il rischio di ammalarsi di carcinoma della mammella aumenta con l’aumentare dell’età, con una probabilità di sviluppo di cancro al seno del 2,4% fino a 49 anni (1 donna su 40), del 5,5% tra 50 e 69 anni (1 donna su 20) e del 4,7% tra 70 e 84 anni (1 donna su 25). Pur essendo un tumore molto diffuso, grazie ai progressi della tecnologia oggi è possibile intervenire nel processo di sviluppo di un tumore facendo diagnosi precoce, quando la malattia non ha dato ancora segni clinici e questo consente una maggiore possibilità di cura e una migliore qualità di vita.

 

Le linee guida nazionali ed europee, dice l'Apss, dicono che sotto i 40 anni non sono necessari controlli strumentali con la mammografia. Ciò però non significa che in questa fascia d'età si possa essere disattenti ai cambiamenti o ai sintomi della mammella; significa però che si possiedono altri strumenti per orientare e produrre una diagnosi.

 

A 20 anni l’autopalpazione mensile è una buona abitudine e consente di conoscere la struttura della propria mammella e di individuare precocemente eventuali alterazioni da segnalare al medico di famiglia.  A 30-40 anni in aggiunta all’autopalpazione mensile si può eseguire l’esame ecografico biennale che consente di esplorare il tessuto ghiandolare con ultrasuoni. Nelle donne più giovani, in cui il tessuto ghiandolare è più denso, i risultati dell’ecografia offrono maggiori informazioni.

 

A 40-50 anni l’esame radiologico che fornisce maggiori informazioni è la mammografia. Può essere necessario che il radiologo consigli un intervallo diversificato in relazione alla densità mammografica, cioè in relazione alla distribuzione della componente ghiandolare che rende il tessuto mammario più o meno denso. Esistono quattro tipi di densità ghiandolare e ciascuno possiede la sua. A 50-70 anni l’esame di eccellenza è la mammografia, perché questa è fascia di età più a rischio per lo sviluppo dei tumori della mammella tanto da richiedere uno screening organizzato. A 71 anni e oltre, le linee guida prevedono una mammografia ogni tre anni.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 27 ottobre 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
27 ottobre - 20:01
La denuncia è arrivata dal Gruppo MeToo Rovereto e riguarderebbe un dipendente dell'Apss del reparto otorinolaringoiatra di Rovereto poi [...]
Politica
27 ottobre - 20:52
Il consigliere comunale Walter Lenzi ha presentato un'interrogazione alla Giunta Ianeselli (firmata da tutti i capogruppo di maggioranza) per [...]
Cronaca
27 ottobre - 20:46
L'incidente è avvenuto in via Fratelli Fontana. I pezzi del pullman hanno colpito uno scooter in transito. Una persona è stata trasferita [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato