Contenuto sponsorizzato

Concerto Vasco, Trento si prepara: dalle migliaia di parcheggi (con prenotazione) all'acquisto di 500 stalli per bici. Diverse vie verranno chiuse, ecco cosa accadrà

Prima una zona bianca con le restrizioni nell'area di San Vincenzo per consentire il lavoro degli organizzatori, poi la zona gialla con la prima chiusura di un tratto di tangenziale per il sound-check riservato ai fan il 19 maggio e poi la zona rossa per il concerto del 20 maggio per il quale si attendono 120 mila persone

Di G.Fin - 22 aprile 2022 - 12:20

TRENTO. Dagli stalli per un migliaio di biciclette all'affidamento ad un'azienda ad hoc della gestione di tutti i parcheggi di Trento (e non solo) che per essere usati si dovranno prenotare attraverso un portale online che sarà attivato nelle prossime settimane. Ci sono poi le chiusure delle strade, l'autostrada gratis per i residenti e anche l'idea da parte della Pat di incentivare lo smart-working in quei giorni. La macchina organizzativa per il Concerto di Vasco Rossi per almeno 48 ore stravolgerà la città di Trento.

 

Lo si capisce bene ascoltando gli agenti della polizia locale e i tecnici della Provincia che in questi giorni hanno iniziato il giro informativo nelle circoscrizioni. La prima serata si è tenuta alla circoscrizione Centro Storico Piedicastello, la più grande, che però ha visto al massimo una ventina di cittadini intervenire.

 

L'AREA DEL CONCERTO

Il concerto si terrà nell'area di San Vincenzo nella parte sud di Trento. L'arena per gli spettatori si dividerà in tre parti che si chiamano, “pit1” quella più vicina al palco e a seguire “pit2” e “pit3”.

 

Verso sud troviamo poi il palco, il back-stage e poi un'area di parcheggio che sarà riservata ai mezzi della produzione. In tutto per gli spettatori sono occupati circa 27 ettari.

 

“A Partire da questa settimana – hanno spiegato i tecnici della Pat - gli organizzatori hanno iniziato ad approntare l'arena. Verranno fatte una serie di installazioni con torri, postazioni audio e video, che verranno poi tolte alla fine del concerto”.

 

GLI ACCESSI

L'accesso all'area è previsto solo da nord, indipendentemente da dove si parcheggia, tutti arriveranno alla rotatoria di via Mach. Le persone entreranno poi all'interno dell'arena attraverso la via dei Viticoltori o attraversando la via di San Vincenzo.

 

Una volta entrati si saranno dei tornelli e in queste prime zone saranno controllati zaini, verrà verificata la disponibilità dei biglietti per evitare che persone non autorizzate si intrufolino.

GLI EVENTI

Sono previsti due eventi: uno è il cosiddetto soundcheck che si terrà il 19 maggio. E' l'evento riservato unicamente al fan club di Vasco e si entra solo su invito dell'artista.

 

Per questo primo evento si prevedono circa 10-15mila persone per la giornata di giovedì e avrà inizio a partire dalle 21.

 

L'apertura dei cancelli è prevista attorno alle 14. Per questo primo concerto riservato al fan club, visti i numeri, sarà riservato solamente il parcheggio di via al Desert con un percorso perdonale lungo la tangenziale per accedere da nord all'arena del concerto.

 

Il 20 maggio, è il giorno del tanto atteso concerto. Qui si attendono fino a 120 mila persone. Ad oggi i biglietti venduti sono circa 107 mila. Anche in questo caso l'inizio è previsto alle 21 e prima si esibiranno tutti i gruppi di supporto.

 

L'apertura dei cancelli è prevista dalle 9 del mattino e gli organizzatori prevedono un migliaio di persone in attesa già a quell'ora. Ci saranno poi arrivi alla spicciolata nella giornata con un picco tra le 16 e le 18.

 

Attorno alla mezzanotte si prevede il termine del concerto ed inizio la fase dell'esodo. Anche in questo caso tutti usciranno verso nord. Lo svuotamento dell'arena sarà scaglionato e non finirà prima delle 2 e mezza.

 

STIME TRASPORTI

Per il momento a Trento si attendo tra i 120 e i 150 pullman e quindi tra le 8 e le 10 mila persone. Per il parcheggio, in questo caso, sarà usata la tangenziale nel tratto tra largo dei Marinai d'Italia e Mattarello.

 

Per quanto riguarda i treni, invece, la stima è che verranno usati da 10-15 mila persone. Per questo sono previsti anche dei rinforzi oltre alle corse ordinarie e un potenziamento anche della Trento-Malè.

 

Ci saranno poi le persone che arriveranno in macchina. In questo caso i tecnici hanno calcolata la necessità di almeno 25 mila stalli che saranno a Trento ma anche a Pergine e Civezzano con i collegamenti tramite navette.

 

Il Trasporto Pubblico urbano vedrà l'introduzione dell'orario festivo a partire dall'ultima corsa delle scuole di venerdì. Questo perché Trentino Trasporti dovrà utilizzare il personale per le navette e consentirne anche i giusti riposi. Ci saranno delle limitazioni per l'abitato di Mattarello.

 

LA GESTIONE DEI PARCHEGGI

A breve verrà pubblicato un portale dedicato alla prenotazione di tutti i parcheggi. La Provincia, infatti, ha deciso di affidarsi ad una ditta specializzata per la gestione dei parcheggi.

 

Sarà predisposto un sistema collegato al rilascio di un ticket. Il portale dovrebbe essere online tra la fine di aprile e la prima settimana di maggio

 

L'IMPEGNO DELLA POLIZIA LOCALE

Un impegno non di poco conto verrà portato avanti dagli agenti della polizia locale che avranno il compito di coordinare l'apertura e la chiusura delle strade affinché tutto vada per il verso giusto.

 

Il lavoro della polizia locale di Trento è stato suddiviso in cinque fasi: l'intervento informativo, la creazione dell'area bianca il 18 maggio, la creazione dell'area gialla il 19 maggio, la creazione dell'area rossa il 20 maggio e gli interventi per il deflusso al termine del concerto.

 

L'AREA BIANCA

Quest'area verrà creata a partire dalle ore 8 del 18 maggio e andrà a limitare il transito su via San Vincenzo, la zona limitrofa dell'area del concerto. Un intervento per consentire agli organizzatori di lavorare in sicurezza e per evitare che fin da quel giorno qualcuno possa intrufolarsi e creare disagi.

 

A tutti i residenti verrà garantito l'accesso, sarà garantito il transito del trasporto pubblico urbano, per Mattarello per cercare di limitare al minimo il disagio. Per raggiungere Mattarello in macchina, invece, si dovrà usare la tangenziale, oppure la strada delle Novaline o la strada provinciale 90.

 

L'AREA GIALLA

Entrerà in vigore dalle ore 6 del 19 maggio. Un'area allargata che parte da Mattarello e si estende fino alla rotatorio di via Fermi. Non è una chiusura, spiegato dalla polizia locale, ma un monitoraggio da parte degli agenti, di chi transita per garantire a chi ne ha titolo (per lavoro, per andare in un supermercato o i residenti) di poterlo fare. Saranno predisposti 8 presidi con 16 agenti 24 ore su 24.

 

Contestualmente con l'area gialla c'è la prima chiusura della tangenziale. Per questa data riservata al concerto per i fan di Vasco, il parcheggio aperto è quello di via al Desert. Per facilitare afflusso e deflusso verrà chiusa a partire dalle 12 la tangenziale dalla rotatoria di largo Marinai d'Italia uscita 2 fino all'uscita 3 corrispondente al ponte di Ravina.

 

Sempre a partire da questa giornata tutti i residenti potranno utilizzare anche l'autostrada , da Trento nord a Rovereto nord, senza pagare il pedaggio.

 

L'AREA ROSSA

Riguarda la giornata del concerto, il 20 maggio. Ci sarà una chiusura più impattante della tangenziale che sarà prolungata fino all'uscita di Mattarello. Anche in questo caso l'accesso sarà garantito ai residenti. La tangenziale, inoltre, non verrà chiusa prima delle 9 perché l'obiettivo è che anche il venerdì mattina chi utilizza questo percorso per andare a lavorare lo possa fare in maniera regolare.

 

PARCHEGGI

Molte delle persone che decideranno di recarsi al concerti, spiegano dalla Polizia Locale, è ipotizzabili sceglieranno bici oppure moto. Ecco allora che si sono scelti i primi due parcheggi in corrispondenza della rotatoria del Marinaio per questi due mezzi: verso il bicigrill per le biciclette e e vicino al cavalca-ferrovia per le moto.

 

Per quanto riguarda le bici si è provveduto l'acquisto di 500 nuovi stalli per un migliaio di bici che verranno poi riutilizzati sul territorio.

 

Tutti gli altri parcheggi saranno riservati alle macchine. In via Fersina e via Bartali, l'area a nord della zona rossa, a Ravina, via al Desert, per poi proseguire sul parcheggio di via Monte Baldo, San Severino, via Canestri , ex Italcementi, l'ex Zuffo e infine via Chini.

 

DEFLUSSO

L'impatto sulle vie cittadine per quanto riguarda il deflusso lo si vedrà solo negli orari notturni e quindi non dovrebbe impattare sulla quotidianità dei cittadini già messa a dura prova.

 

L'ipotesi è che si inizia con la pedonalizzazione delle vie attraversate a partire dalle 23.30 fino alle prime ore del sabato.

 

L'uscita di tutti i partecipanti al concerto sarà sempre verso nord con vie diverse per chi dovrà raggiungere i parcheggi a Trento e quelli predisposti più a nord con l'utilizzo delle navette.

 

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione del 4 luglio 2022
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
04 luglio - 19:47
Il presidente della Società meteorologica italiana a il Dolomiti: “Ci sarei potuto essere anche io lassù. Quel ghiacciaio, visto da fuori, non [...]
Cronaca
04 luglio - 20:40
Dal 2012 al 2020 è stato a capo del soccorso alpino di Recoaro - Valdagno, Paolo Dani era un'espertissima guida alpina. L'addio dei colleghi: [...]
Cronaca
04 luglio - 17:50
Era una delle persone che si temeva potesse essere sotto la valanga causata dal seracco che è crollato ieri sulla Marmolada ma è stato [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato