Contenuto sponsorizzato

“Costretti a dormire per strada”, a Trento 161 richiedenti asilo esclusi dal sistema d’accoglienza vivono in fatiscenti ripari di fortuna

Sarebbero ben 161 i richiedenti asilo che a Trento sono costretti a vivere per strada, l’Assemblea antirazzista: “Queste persone sono costrette a dormire in ripari di fortuna perché non ci sono posti nei dormitori per richiedenti asilo e soprattutto perché non sono potute entrare nel sistema di accoglienza trentino”

Foto d'archivio
Di Tiziano Grottolo - 10 agosto 2022 - 20:04

TRENTO. Sarebbero ben 161 i richiedenti asilo che a Trento sono costretti a vivere per strada in mancanza di posti letto nelle strutture dedicate all’accoglienza. Questi almeno sono i numeri forniti dal Centro Astalli di Trento al quotidiano Avvenire. Una situazione che che dura da tempo, come denunciato in più occasioni dall’Assemblea antirazzista di Trento.

 

D’altra parte i decreti “sicurezza” dell’ex ministro dell’Interno Matteo Salvini e la politica portata avanti dalla Giunta Fugatti a livello locale hanno contribuito in maniera determinante a smantellare il sistema d’accoglienza trentino. I migranti che vivono per le strade del capoluogo sono soprattutto giovani uomini, la maggior parte ragazzi di origine pakistana che hanno attraversato la Rotta balcanica e sono finiti in Italia.

 

Il fenomeno è noto e si protrae da tempo ma secondo gli attivisti dell’Assemblea antirazzista il problema non riguarda solo i pochi posti letto disponibili. La normativa infatti, dice che a ogni migrante dovrebbe essere data la possibilità di presentare una richiesta di asilo entro pochi giorni dal proprio arrivo e contestualmente ne andrebbe garantito l’ingresso nel sistema di accoglienza. Nella pratica però non funziona così.

 

“Queste persone – confermano dall’Assemblea antirazzista – sono costrette a dormire in ripari di fortuna perché non ci sono posti nei dormitori per richiedenti asilo e soprattutto perché non sono potute entrare nel sistema di accoglienza trentino. Come abbiamo già ampiamente denunciato questa situazione è frutto di una violazione della normativa che ha precise responsabilità”. Gli attivisti parlano apertamente di “continue violazioni dei diritti dei richiedenti asilo e prassi del tutto illegittime e arbitrarie”.

 

Inoltre restano da chiarire i contorni dello sgombero avvenuto la scorsa settimana nella zona del quartiere delle Albere. Erano una ventina i ragazzi che si erano accampati nella zona, tutti stavano aspettando di poter formalizzare la domanda di protezione internazionale per entrare nel sistema d’accoglienza trentino. Questo almeno fino a quando non sono stati sgomberati anche se né i carabinieri né la Questura (e nemmeno la polizia locale) rivendicano l’intervento.

 

I migranti però riferiscono di essere stati minacciati e spinti ad andarsene da persone che si sono presentate come appartenenti alle forze dell’ordine. Gli attivisti dal canto loro puntano il dito contro Commissariato del Governo, Provincia di Trento e Questura accusati di agire “in modo del tutto illegale – perché, sottolineano – hanno ripreso ad alzare delle barriere immateriali per rendere complicata la vita ai richiedenti asilo”.

Contenuto sponsorizzato
Edizione del 26 settembre 2022
Telegiornale
26 set 2022 - ore 21:21
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Politica
26 settembre - 20:37
I lavoratori autonomi prediligono Fratelli d'Italia che pesca un 17% dal Movimento 5 stelle. Il terzo polo prende voti dal centrosinistra che a sua [...]
Politica
26 settembre - 20:14
Con l'elezione di Alessia Ambrosi, Sara Ferrari e Dieter Steger si completano i risultati per il Trentino Alto Adige alle politiche 2022 con i 13 [...]
Cronaca
26 settembre - 21:06
La tragedia è avvenuta nella zona della val di Non. Il 70enne stava tagliando legna quando ha accusato un malore e si è trascinato addosso il [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato