Contenuto sponsorizzato

Il devastante rogo in valle del Chiese brucia ancora, le fiamme sono nuovamente divampate nella zona del Bondone

Il rogo è divampato nuovamente dopo qualche ora di tregua che aveva fatto sperare che l'incendio fosse definitivamente spento. L'incendio è scoppiato quattro giorni fa, sabato scorso

Pubblicato il - 23 marzo 2022 - 22:16

BONDONE–BAITONI. Continua a bruciare il bosco in valle del Chiese, il rogo è divampato nuovamente dopo qualche ora di tregua che aveva fatto sperare che l'incendio fosse definitivamente spento.

 

I vigili del fuoco hanno operato una bonifica ma nel frattempo qualche focolaio è ripartito con violenza e il bosco in località San Martino a Bondone di Storo ha ripreso ha bruciare , agevolato anche dal terreno secco e dal vento. 

 

Le attività di spegnimento del devastante rogo sul territorio di Bondone-Baitoni proseguono ininterrottamente da sabato scorso, una prima valutazione stima che la furia delle fiamme abbia divorato già 50 ettari.


Un evento che ha richiesto un ingente dispiegamento di mezzi e di vigili del fuoco tra i corpi di Bondone, StoroCondinoBrione Castel Condino. L'intervento aereo in questi giorni è stato assicurato dall'elicottero da Trento, dal Canadair dei vigili del fuoco nazionale e dall'Erickson del corpo forestale nazionale.

 

Presenti anche i forestali trentini, la polizia locale della Valle del Chiese e le altre forze dell'ordine. Non si esclude l'origine dolosa dell'incendio. Per evitare rischi e facilitare le operazioni di spegnimento da parte dei vigili del fuoco è stata decisa la chiusura di diverse strade.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione del 4 luglio 2022
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
04 luglio - 19:47
Il presidente della Società meteorologica italiana a il Dolomiti: “Ci sarei potuto essere anche io lassù. Quel ghiacciaio, visto da fuori, non [...]
Cronaca
04 luglio - 20:40
Dal 2012 al 2020 è stato a capo del soccorso alpino di Recoaro - Valdagno, Paolo Dani era un'espertissima guida alpina. L'addio dei colleghi: [...]
Cronaca
04 luglio - 17:50
Era una delle persone che si temeva potesse essere sotto la valanga causata dal seracco che è crollato ieri sulla Marmolada ma è stato [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato