Contenuto sponsorizzato

La peste suina africana arriva nel Nord-Italia: il virus trovato nella carcassa di un cinghiale in Piemonte

Il virus è stato riscontrato nella carcassa di un cinghiale a Ovada, in Piemonte, dove proprio negli scorsi giorni il presidente di Confagricoltura aveva parlato di un “forte rischio” causato "dall'eccessiva proliferazione" degli animali

Pubblicato il - 07 January 2022 - 18:58

OVADA. La peste suina africana è arrivata in Piemonte: è stata riscontrata nella carcassa di un cinghiale ad Ovada. Il virus, che come specifica il Ministero della salute colpisce suini e cinghiali, è altamente contagioso e spesso letale per gli animali ma non è invece trasmissibili agli esseri umani.

 

Le epidemie però hanno “pesanti ripercussioni economiche nei Paesi colpiti” si legge nel portale del Ministero della Salute, dove viene specificato che “in Italia la malattia è presente soltanto in Sardegna, dove negli ultimi anni si registra un costante e netto miglioramento della situazione epidemiologica”. Dopo il ritrovamento della carcassa ad Ovada però, le analisi condotte sulla corpo del cinghiale dall'Istituto Zooprofilattico dell'Umbria e delle Marche, centro di riferimento a livello nazionale in questo ambito, sembrerebbero confermarne la presenza anche nel Nord Italia.

 

A questo punto il caso di peste suina sarà notificato dal Ministero della salute agli enti competenti mentre l'assessore alla Sanità regionale in Piemonte Luigi Genesio Icardi ha dichiarato al Corriere della Sera che nelle prossime ore “verranno definite la zona infetta e quella di sorveglianza” per cercare di “confinare ed eradicare il più possibile la malattia”.

 

Dal punto di vista economico la preoccupazione principale è la possibile ricaduta sul commercio delle carni suine italiane, con possibili limitazioni all'importazione di prodotti da parte di altri Paesi. L'allarme per l'arrivo della peste suina in Piemonte era stato lanciato negli scorsi giorni dal presidente di Confagricoltura Enrico Allasia, che aveva parlato di un “forte rischio” causato "dall'eccessiva proliferazione" degli animali. 

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione del 4 luglio 2022
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
04 luglio - 19:47
Il presidente della Società meteorologica italiana a il Dolomiti: “Ci sarei potuto essere anche io lassù. Quel ghiacciaio, visto da fuori, non [...]
Cronaca
04 luglio - 20:40
Dal 2012 al 2020 è stato a capo del soccorso alpino di Recoaro - Valdagno, Paolo Dani era un'espertissima guida alpina. L'addio dei colleghi: [...]
Cronaca
04 luglio - 17:50
Era una delle persone che si temeva potesse essere sotto la valanga causata dal seracco che è crollato ieri sulla Marmolada ma è stato [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato