Contenuto sponsorizzato

"Meglio medici con il bilinguismo che specializzati". Il no del Pd Alto Adige: "Contratti non superiori ai 7 anni, ma senza patentino. Rischio di favorire i gettonisti"

Secondo il referente per la sanità del Pd Dellantonio l'articolo 5 della Legge di bilancio in discussione presenta delle criticità: "In una situazione di emergenza sanitaria va dato maggiore valore alle competenze professionali che a quelle linguistiche. Aumentano le notizie di una progressiva privatizzazione della nostra sanità"

Di F.C. - 04 December 2022 - 14:04

BOLZANO. Meglio assumere medici con il patentino di bilinguismo, piuttosto che camici bianchi specializzati. Ma il Pd dell’Alto Adige non ci sta: "In una situazione di emergenza sanitaria va dato maggiore valore alle competenze professionali rispetto a quelle linguistiche per evitare di favorire il fenomeno dei medici gettonisti", dichiara Elio Dellantonio, referente per la sanità contrario all'articolo 5 della Legge di bilancio in discussione.

 

Si alza quindi la voce dei dem altoatesini in difesa del sistema sanitario pubblico: "Siamo a conoscenza di crescenti lamentele - spiega Dellantonio - da parte di pazienti in merito alla scarsa qualità delle prestazioni sanitarie da parte di privati convenzionati e aumentano le notizie e le indiscrezioni di una progressiva privatizzazione della nostra sanità". Un problema che sembra ormai colpire tutte le regioni italiane, compreso il Trentino dove sempre di più si sta facendo ricorso ai gettonisti per sopperire alla mancanza di personale.

 

Dellantonio in particolare riscontra delle gravi criticità nell’articolo 5 della Legge provinciale di bilancio attualmente in discussione in cui "data la gravissima carenza di personale si prevede per i servizi di pronto soccorso e di urgenza ed emergenza la possibilità di assumere con incarichi annuali medici libero-professionisti senza specializzazione per attività medico-chirurgiche di supporto e con autonomia vincolata alle direttive di un medico strutturato responsabile". Sembra essere implicito quindi il requisito del possesso del patentino: "Ed è prevista una clausola - dice il referente - di anticipata cessazione del contratto nel caso in cui si trovino specialisti in possesso di tutti i requisiti".

 

Una misura "controproducente" rispetto all’obiettivo previsto. "Per prima cosa va attentamente valutato se questi contratti di assunzione rispettano la normativa nazionale a riguardo del rapporto di lavoro di medici presso servizi/reparti di pronto soccorso ed urgenza ed emergenza. Sono fumose e indeterminate le modalità di accertamento delle competenze mediche, i criteri dei previsti percorsi di formazione e sono assenti gli ambiti di intervento con assunzione di diretta responsabilità clinica". 

 

Fermo il no del Pd a questo articolo di legge: "Si adotti una misura che renda possibile l’assunzione a tempo determinato di medici specializzati, privi del requisito del patentino" e che l'Azienda Sanitaria dell'Alto Adige sia messa nelle condizioni di "assumere a tempo determinato per un periodo non superiore ai 7 anni - conclude - medici specialisti privi dell’attestato di conoscenza della seconda lingua per lo svolgimento di prestazioni di pronto soccorso, di guardie notturne e festive presso i reparti ospedalieri e di assistenza sanitaria e presso i servizi di trasporto secondari".

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Economia
29 gennaio - 05:01
Il punto sulle Olimpiadi in val di Fiemme. L'assessore Failoni: "I bandi entro l'estate per avere tutto il 2024 per completare i lavori e farsi [...]
Ambiente
28 gennaio - 20:19
Il vice presidente della Comunità del Garda ha commentato l'andamento dei livelli delle acque del lago dello scorso anno: "Sono state [...]
Politica
28 gennaio - 18:23
La presidente di Itea e candidata presidente della Provincia di Trento per Fratelli d'Italia è stata eletta nella Giunta esecutiva nazionale di [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato