Contenuto sponsorizzato

Trovata antica imbarcazione sul fondo del Garda (VIDEO). I sub: “Potrebbe risalire al tardo Medioevo", a bordo materiali da lavoro e del vasellame

Straordinaria scoperta nel lago di Garda: negli ultimi giorni a largo di Salò è stata ritrovata un'imbarcazione di circa 9 metri con a bordo centinaia di manufatti in ferro destinati probabilmente al lavoro agricolo: secondo i sub, il relitto potrebbe risalire al periodo compreso tra il tardo Medioevo e l'inizio del Rinascimento"

Di Filippo Schwachtje - 28 January 2022 - 20:39

SALÒ. “Ha dell'incredibile che proprio in una zona così frequentata nessuno abbia mai scoperto l'imbarcazione: non siamo ancora riusciti a fare indagini approfondite ma in base alle condizioni dei materiali ritrovati la nostra ipotesi è che risalga al periodo compreso tra il tardo Medioevo e l'inizio del Rinascimento”. A parlare è Luca Turrini, responsabile ricerche subacquee del Nucleo sommozzatori del Gruppo volontari del Garda, che negli scorsi giorni ha ritrovato a largo di Salò un'imbarcazione di circa 9 metri con a bordo centinaia di attrezzi da lavoro.

 

 

 

 

“Sulle effettive dimensioni dell'imbarcazioni saranno necessari ulteriori approfondimenti da parte delle istituzioni preposte, se lo riterranno necessario – dice Turrini – perché della sua struttura non è rimasto quasi nulla”. Ciò che è rimasto invece è il suo carico: “Abbiamo ritrovato molti manufatti in ferro come badili, chiodi, vanghe e altri attrezzi più 'misteriosi' come dei tubi, il cui possibile utilizzo non è ancora chiaro”. Nel relitto i sub hanno anche rinvenuto due vasi, utilizzati con ogni probabilità come suppellettili.

 

“Sulla base delle condizioni della barca – continua il responsabile ricerche subacquee – abbiamo subito pensato ad un'imbarcazione molto antica. Abbiamo comunque contattato la Sovrintendenza e toccherà eventualmente a loro ora cercare di datare con certezza il ritrovamento”. I manufatti, spiega Turrini, provenivano con ogni probabilità della Valsabbia ed erano diretti verso la zona bassa del lago di Garda. “La prua della barca punta verso Desenzano – dice il sub – quindi è ragionevole pensare che fosse quello il mercato di sbocco per la merce ritrovata a bordo, che potrebbe esser stata destinata per esempio al lavoro agricolo in pianura”.

 

La scoperta è avvenuta pochi giorni fa durante un'immersione d'esercitazione programmata, che è stata interrotta proprio dal ritrovamento del relitto. “Quella è una zona molto frequentata – conclude Turrini – è quasi incredibile che non sia stata individuata finora. Sono diversi i relitti che abbiamo ritrovato nelle acque del Garda ma, se le nostre ipotesi fossero confermate, questo sarebbe probabilmente il più antico”.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione del 18 maggio 2022
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
19 maggio - 19:13
A Trento per Vasco sono arrivati in tanti: genitori con figli adolescenti, coppie di fidanzati e gruppi di amici. L'attesa sotto il sole non [...]
Cronaca
19 maggio - 18:21
I cuccioli sono stati salvati da una donna che stava correndo nei boschi quando ha sentito i guaiti. Ora sono stati presi in custodia dai volontari [...]
Cronaca
19 maggio - 18:43
Visto il grande afflusso di auto sulla zona di Trento Sud il traffico dell'autostrada viene deviato su Trento Nord. Ecco il piano della viabilità [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato