Contenuto sponsorizzato

Oltre 62 chilometri di piste, 26 impianti e due skitour, al via la stagione sciistica ad Arabba. Ma non mancano le opportunità per amanti di ciaspole e trekking

Il comprensorio sciistico Arabba-Marmolada apre martedì 5 dicembre. Tra le piste più gettonate, la Fodoma, 2,8 chilometri, tra i tracciati più difficili dal punto di vista tecnico, la Sourasass, la “Perla nera”, con pendenze massime che toccano il 45%, e la Burz. La località delle Dolomiti bellunesi è tappa anche dello skitour della Grande Guerra e del Sellaronda

Di S.M. - 05 dicembre 2023 - 15:50

ARABBA. Prende il via martedì 5 dicembre la stagione sciistica nel comprensorio di Arabba-Marmolada: oltre 62 chilometri di piste e 26 impianti di risalita. Ma non solo: la località incastonata tra le Dolomiti bellunesi, tra i passi Pordoi e Campolongo, è tappa di due tra i più famosi itinerari sugli sci di tutte le Alpi: lo skitour della Grande Guerra, che ripercorre su 74 chilometri il fronte dolomitico lungo il quale si scontrarono, tra il 1915 e il 1918, i Kaiserjäger austriaci e tedeschi da una parte e gli Alpini italiani dall’altra, e il Sellaronda skitour, il famoso “giro dei quattro passi” (che apre anch'esso martedì 5 dicembre).

 

Tra le piste più gettonate ad Arabba c'è la Fodoma, 2,8 chilometri con una pendenza media del 30% e la massima del 56%, tra i tracciati più difficili dal punto di vista tecnico, premiata tra le dieci piste più belle d’Italia dell’intero Dolomiti Superski; la Sourasass, la “Perla nera”, con pendenze massime che toccano il 45%; la Burz, l’unica pista nera a essere sempre al sole in tutti i suoi 1000 metri di lunghezza, nata nel 1956 per gli allenamenti degli atleti americani e canadesi in vista delle Olimpiadi di Cortina; la Variante Ornella, un lungo e articolato muro ripido, con una pendenza costante; ancora, la Bellunese, 12 chilometri di lunghezza e più di 1800 metri di dislivello che dai 3265 metri di quota di Punta Rocca, in Marmolada, porta ai 1450 metri di Malga Ciapela; e infine la Belvedere 1 a Passo Pordoi.

 

Ma non solo sci. Arabba offre anche tante opportunità di svago per chi ama le ciaspole o il trekking invernale sulla neve: “Ciaspolare ai Pescoi” è il nuovo percorso da provare con le racchette da neve; da provare anche l’escursione al Castello di Andraz, il castello più alto d’Italia e il più antico delle Dolomiti (1027 metri). Un curiosità: al Castello di Andraz è nato il “solstizio d'inverno”. Nicolò Cusano, cardinale tedesco del XV secolo, teologo, filosofo e abile matematico, nonché ospite illustre del castello, fu in ambito astronomico il primo pensatore del Rinascimento a proporre una concezione eliocentrica dell’Universo: in una parete della stanza che lo ospitò è presente un foro di probabile funzione astronomica progettato dal grande pensatore tedesco per correggere il calendario giuliano.

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
28 febbraio - 19:02
Le parole del vice-presidente della Comunità del Garda, Filippo Gavazzoni, mentre il Benaco raggiunge il livello di altezza idrometrica nel Garda [...]
Cronaca
28 febbraio - 20:18
Complicatissimo l'intervento dei vigili del fuoco di Madonna di Campiglio, considerato che la vettura si trovava su terreno innevato e in bilico [...]
Cronaca
28 febbraio - 19:19
Una buca di circa 40 centimetri di diametro si è aperta improvvisamente quest'oggi: la piccola rottura nell'asfalto è dovuta [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato