Contenuto sponsorizzato

Condanna all'ergastolo per l'ex calciatore Giovanni Padovani che uccise a martellate l'ex fidanzata Alessandra Matteuzzi. Aveva giocato anche con Mori e Virtus Bolzano

La sua esperienza in maglia lagarina terminò dopo appena un paio di presenze tra dicembre 2014 e gennaio 2015, mentre a Bolzano restò per alcuni mesi, giocando 13 partite in maglia Virtus

A sinistra Giovanni Padovani con la maglia della Virtus Bolzano e a destra una fase del processo
A sinistra Giovanni Padovani con la maglia della Virtus Bolzano e a destra una fase del processo
Di D.L. - 12 febbraio 2024 - 16:17

BOLOGNA. L'ex calciatore Giovanni Padovani è stato condannato all'ergastolo per l'omicidio della ex fidanzata Alessandra Matteuzzi. Il delitto si era consumato nel mese di agosto del 2022 davanti all'abitazione di Bologna dove la vittima viveva.

 

Confermate anche in sede di giudizio le aggravanti dello stalking (per il quale era stato precedentemente denunciato), del vincolo di legame affettivo, dei motivi abietti e della premeditazione.

 

Durante la propria carriera da calciatore, terminata a febbraio del 2022, sei mesi prima di compiere l'efferato delitto, Padovani aveva indossato le maglie di tantissime squadre, comprese quelle del Mori Santo Stefano e della Virtus Bolzano.

 

Nella stagione 2014 - 2015 approdò al Mori Santo Stefano, neopromosso in serie D, ma la sua avventura in Vallagarina durò pochissime settimane: arrivato a dicembre, dopo aver totalizzato 2 sole presenze, a gennaio lasciò il gruppo.

 

Più lunga fu, invece, la sua permanenza alla Virtus Bolzano nell'annata 2016 - 2017: giunse nel capoluogo altoatesino a dicembre 2016 e vi restò sino al termine del campionato, scendendo in campo complessivamente 13 volte.

 

Prima che la Corte si ritirasse in camera di consiglio, Padovani ha rilasciato alcune dichiarazione spontanee: "Se ero lucido merito l'ergastolo. Se voi valuterete che c'è qualcosa di anormale, di anomale, nelle condotte, allora no. Io la reale verità la so, io non stavo bene. Sono in un incubo, questo è un fardello più grosso del carcere. Chiedo che sia fatta giustizia perché Giovanni Padovani deve pagare, ha ucciso una donna. Ma la giustizia deve essere fatta senza essere influenzati dai media".

 

Poi il verdetto di "fine pena mai".

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
28 febbraio - 19:02
Le parole del vice-presidente della Comunità del Garda, Filippo Gavazzoni, mentre il Benaco raggiunge il livello di altezza idrometrica nel Garda [...]
Cronaca
28 febbraio - 20:18
Complicatissimo l'intervento dei vigili del fuoco di Madonna di Campiglio, considerato che la vettura si trovava su terreno innevato e in bilico [...]
Cronaca
28 febbraio - 19:19
Una buca di circa 40 centimetri di diametro si è aperta improvvisamente quest'oggi: la piccola rottura nell'asfalto è dovuta [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato