Contenuto sponsorizzato

"Andreatta vieta cose", l'ironia del web contro il sindaco di Trento

 Creata una pagina su Facebook satirica: "Andreatta è assunto a simbolo di una politica restrittiva, in rotta con le esigenze di una città universitaria"

Pubblicato il - 16 luglio 2017 - 12:27

TRENTO. L'hanno chiamata "Alessandro Andreatta vieta cose" e la pagina su Facebook ha già numerosi like e numerosi post che con ironia prendono di mira le "politiche restrittive" adottate dal sindaco di Trento. Ha anticipato di qualche giorno l'ordinanza sul divieto di alcol in vigore nella zona di Santa Maria, annusando il clima che ormai colpisce diverse città italiane.

 

Sono infatti numerosi i sindaci che a suon di ordinanze vietano alcolici, ingressi nei parchi urbani, consumo di panini sulle panchine e addirittura la possibilità di stendersi sull'erba dei giardini pubblici. La pagina 'cult' di riferimento è quella torinese che ironizza sulla sindaca Appennino: "Chiara Appendino proibisce cose".

 

Anche nella versione trentina spopolano le immagini grafiche con il sindaco sorridente in primo piano e le frasi ad effetto mutuate dalla pubblicità. Il logo è "Andreatta No party" che fa il verso alla reclame del Maritni in cui, però, al posto di George Clooney compare il sindaco Andreatta, e già qui c'è da sorridere. 

 

Ma i post sono molti, sulla saga del Trono di Spade, sull'affermazione "Vieteremo i kebab con tutto in Santa Maria" fino al 'minaccioso' "Vi nasconderemo le drinking card in Cantinotta"

 

"Questa è una pagina satirica - si legge nella presentazione - e non vuole essere né volgare, né violare la dignità di persone, animali o cose. Il sindaco di Trento, in quanto primo cittadino, è assunto a simbolo di una politica restrittiva, in rotta con le esigenze di una città universitaria, dei suoi giovani e degli studenti che la popolano".





Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 04 marzo 2021
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

05 marzo - 13:42
In zona gialla dovrebbero restare valle d'Aosta e Liguria, la Sardegna in quella bianca; il presidente delle Marche, Francesco Acquaroli, inserisce in zona rossa le province di Macerata e Ancona. La Provincia di Bolzano si è autoproclamata zona rossa fino al 14 marzo, mentre quella di Trento, secondo quanto affermato dal governatore, dovrebbe restare in zona arancione
05 marzo - 11:32

Coldiretti a livello nazionale ha raccolto oltre 5 milioni di chili di prodotti tipici Made in Italy a chilometri zero e di altissima qualità distribuiti poi per garantire un pasto di qualità ai più bisognosi di fronte alla crescente emergenza provocata dalla pandemia Covid

05 marzo - 11:56

Il soccorso consiglia quindi di indossare ramponcini o dispositivi similari adattabili a tutte le calzature, solo su strade pianeggianti o con lieve pendenza. In tutti gli altri tipi di terreno, è necessario utilizzare esclusivamente ramponi fissati e bloccati a dovere

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato