Contenuto sponsorizzato

Cala anche in Trentino il numero dei reati, in aumento le truffe on-line

Nel 2015 sono state 3.504 le denunce ogni 100 mila abitanti. In italia 7.500 ogni giorno

Pubblicato il - 03 October 2016 - 13:49

TRENTO. Sono uscite oggi le cifre sui reati del 2015 in Italia diffuse dal Ministero dell'interno e pubblicate sul Sole 24 Ore. Nel nostro Paese, ogni giorno, si denunciano 7.500 reati. Un dato però che, considerato annualmente, fa registrare un calo rispetto all'anno precedente. Ad aumentare soltanto alcune tipologie di reati, ad esempio quelli legati alle frodi informatiche, ma gli illeciti che maggiormente fanno aumentare il senso di insicurezza, come borseggi e furti in abitazione, subiscono una flessione.

 

In Trentino il dato complessivo è di 3.504 reati nel 2015 ogni 100 mila abitanti, con una diminuzione dello 0,26% rispetto all'anno precedente. Aumentano i furti con destrezza (+10%) ma diminuiscono quelli con strappo, il borseggio per intenderci (- 21%), aumenta il furto d'auto (nel 2015 si sono registrati 25 reati ogni 100 mila abitanti, l'anno precedente quasi la metà) ma diminuiscono i furti in appartamento, quasi 330 casi (- 12,5%). Si dimezzano le estorsioni ma aumentano, in linea con il dato nazionale, le denunce per truffe e frodi informatiche (+ 15%).

 

Il confronto con la provincia di Bolzano non mette in evidenza grandi scostamenti in termini assoluti: rispetto al Trentino sono stati denunciati meno reati, 3.315 rispetto ai 3,504 della nostra provincia. A Bolzano il calo rispetto all'anno precedente è del 3,34%, a Trento dello 0,26.

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.27 del 27 Febbraio
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

01 March - 12:56

Il ministro della salute ha spiegato, durante la presentazione dei dati del Programma nazionale Esiti, la situazione per l'apparato sanitario: da un lato lo sguardo deve andare al domani e al servizio sanitario universale ma dall'altro c'è il problema imminente della pandemia e di una terza ondata che pare sempre più una realtà

01 March - 13:31

Le temperature miti degli ultimi fine settimana hanno incoraggiato la popolazione a uscire di casa. Il problema sono gli assembramenti che si sono creati nei parchi. Ianeselli: “Giocare a pallone con gli amici nel parco dovrebbe essere la normalità, ma questa è ancora una situazione di emergenza e ci sono delle regole da rispettare”

01 March - 11:09

Kompatscher ha pubblicato alcuni insulti che gli sono stati recapitati via social, l’appello contro odio e fake news: “Informazioni fuorvianti possono portare a decisioni sbagliate e mettono a rischio la coesione e la fiducia che sarebbero necessarie ora per superare la crisi”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato