Contenuto sponsorizzato

Cala anche in Trentino il numero dei reati, in aumento le truffe on-line

Nel 2015 sono state 3.504 le denunce ogni 100 mila abitanti. In italia 7.500 ogni giorno

Pubblicato il - 03 ottobre 2016 - 13:49

TRENTO. Sono uscite oggi le cifre sui reati del 2015 in Italia diffuse dal Ministero dell'interno e pubblicate sul Sole 24 Ore. Nel nostro Paese, ogni giorno, si denunciano 7.500 reati. Un dato però che, considerato annualmente, fa registrare un calo rispetto all'anno precedente. Ad aumentare soltanto alcune tipologie di reati, ad esempio quelli legati alle frodi informatiche, ma gli illeciti che maggiormente fanno aumentare il senso di insicurezza, come borseggi e furti in abitazione, subiscono una flessione.

 

In Trentino il dato complessivo è di 3.504 reati nel 2015 ogni 100 mila abitanti, con una diminuzione dello 0,26% rispetto all'anno precedente. Aumentano i furti con destrezza (+10%) ma diminuiscono quelli con strappo, il borseggio per intenderci (- 21%), aumenta il furto d'auto (nel 2015 si sono registrati 25 reati ogni 100 mila abitanti, l'anno precedente quasi la metà) ma diminuiscono i furti in appartamento, quasi 330 casi (- 12,5%). Si dimezzano le estorsioni ma aumentano, in linea con il dato nazionale, le denunce per truffe e frodi informatiche (+ 15%).

 

Il confronto con la provincia di Bolzano non mette in evidenza grandi scostamenti in termini assoluti: rispetto al Trentino sono stati denunciati meno reati, 3.315 rispetto ai 3,504 della nostra provincia. A Bolzano il calo rispetto all'anno precedente è del 3,34%, a Trento dello 0,26.

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.05 del 26 Ottobre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 ottobre - 17:08

Un trend in decisa crescita rispetto a ieri (113 positivi e 11,5%) e quattro volte superiore ai numeri comunicati nel corso del week end: il dato si è attestato tra il 5% e il 6%. Ci sono 89 persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero con 5 pazienti in terapia intensiva. Altre 11 classi in isolamento e 33 nuovi casi tra gli studenti

27 ottobre - 17:05

L'incidente è avvenuto questo pomeriggio, sul posto si sono portati i vigili del fuoco, i soccorsi sanitari e le forze dell'ordine

27 ottobre - 16:25

I medici sono preoccupati perché la situazione di sfuggire di mano. Ioppi: "Si è ritornati a contrapporre la salute all'economia, ma questi aspetti dovrebbero andare di pari passo. Non si devono ripetere gli errori di marzo e aprile: non si deve rincorrere la malattia ma anticipare i tempi. Le istituzioni ci sostengano, gli operatori sono sfiniti e ci sono anche gli altri pazienti da seguire"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato