Contenuto sponsorizzato

"Con impegno, disponibilità, preparazione e grande cuore", il Soccorso Alpino Trentino raggiunge l'hotel Rigopiano

Il bilancio, dopo la valanga che ha cancellato l'hotel, è di 11 persone sopravvissute, 6 morti e 24 dispersi. Le ricerche in condizioni difficili e al limite proseguono 24 ore su 24 senza sosta. Il Soccorso Alpino: "La grande speranza di ritrovare ancora le persone in vita spinge tutti ad operare con la massima energia e determinazione per salvare coloro che sono in difficoltà".

 

Di Luca Andreazza - 22 January 2017 - 18:47

TRENTO. Le ricerche all'hotel Rigopiano proseguono ininterrottamente alla ricerca dei 24 dispersi. La speranza di trovare altre persone sopravvissute alla slavina che ha travolto la struttura animano i soccorritori già sul campo, ai quali si aggiungeranno nelle prossime ore l'irriducibile e prezioso lavoro degli uomini del Soccorso Alpino del Servizio provinciale Trentino. La squadra è composta da 16 tecnici 


"Con impegno, disponibilità, preparazione e grande cuore - si legge nella loro nota su Facebook - gli uomini del Soccorso Alpino del Servizio provinciale Trentino sono partiti oggi alla volta di Penne (Pescara) per dare il proprio supporto nelle difficili operazioni di ricerca e soccorso all’Hotel Rigopiano travolto da una valanga che ha intrappolato gli ospiti presenti e dove ancora oggi risultano disperse molte persone. La grande speranza di ritrovare ancora le persone in vita spinge tutti ad operare con la massima energia e determinazione per salvare coloro che sono in difficoltà".

 

Domani, invece, ci sarà un avvicendamento degli uomini che sono partiti fra mercoledì e giovedì scorso. In particolare rientreranno i Vigili del Fuoco delle Valli di Non e Sole e partiranno una decina di uomini del Distretto della Vallagarina.

 

Non si esclude, secondo gli sviluppi della situazione di emergenza in Centro Italia, l’invio di altre squadre del Soccorso Alpino - Servizio Provinciale Trentino. Il presidente Adriano Alimonta, in continuo collegamento con il Centro di Coordinamento della Protezione Civile allestito a Penne, nonché in stretta collaborazione con la Direzione Nazionale del Soccorso Alpino e il Dirigente Generale della Protezione Civile della Provincia di Trento, ha rivolto un ringraziamento ai numerosi Soci che si sono resi disponibili a partecipare alla missione di aiuto e soccorso alla popolazione dell’Abruzzo e ha salutato con raccomandazioni i colleghi soccorritori che saranno direttamente impegnati nell’intervento.

 

Il bilancio è di 11 persone sopravvissute, 6 morti e 24 dispersi, mentre le ricerche in condizioni difficili e al limite proseguono 24 ore su 24 senza sosta. A quattro giorni emergono i dettagli della dinamica degli eventi culminata con la slavina che ha cancellato l'hotel. I dati diffusi dai carabinieri del servizio Meteomont parlano di una valanga da 120 mila tonnellate, paragonabile a 4 mila tir carichi, che si è abbattuta sul resort ai piedi del Gran Sasso alla velocità di oltre 100 chilometri orari.  


Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 10 aprile 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
12 aprile - 12:21
Nel corso dell'emergenza Covid le persone hanno dovuto rispettare il periodo di isolamento a causa del contagio o del contatto di una persona [...]
Cronaca
12 aprile - 12:11
Ennesimo brutto risveglio per il Centro sociale dei Solteri. La struttura che ospita diverse realtà associative, tra cui il Gruppo sportivo e gli [...]
Società
11 aprile - 21:22
Il segretario del Trentino Alto Adige dell'associazione nazionale medici d'azienda e competenti, Azelio De Santa, spiega perché il vaccino [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato